In te sta pagina ven ciot su tutte le storiele e le tradizion che sentin in giro, i dis che sia CIACOLE de paese, ma noaltri sen convinti che in fondo in fondo sia tut vero, pì o manco insomma

Attila a Pianzan

I Frati de Pianzan

Piante de vide in zhimitero

Al sac de schei

Patate o Cesa Nova?

La trota pi granda del mondo

Al vero Mazzariol

Al gat co 'na zhata sola

Brividi a Baver

La vaca lighada sue sbare

Al Morer dela discordia

Al paracadute de seda

Strighe

Ciamar i diavoi

Al sogno dela cota

La cesa de Sant'Urbanet

La difesa dell'avv. Rigato

Al mus coe zhate par aria

 

 

 ATTILA A PIANZAN

ciacol1In tra tuta la dent che l'é rivada qua a Pianzan, de sicuro no podea mancar al pi importante re dela pi tremenda popolazion de barbari. E difati Atila, re dei Unni e frajelo del Signor l'é passà par la Levada e 'l se à anca fermà a bever na ombra in te l'ostaria dela Teresina, anca se a chei ani là ancora no la era ela che la portea fora goti e butiglion. La vecia ostaria dela Teresina se pol vederla ancora ades in tel centro dela Levada, cusita come che a destra dela so porta se pol veder ancora ades l'anel picà su par al muro (in figura) dove che Atila l'à ligà al so caval chela volta là. Comunque l'é da dir che al vin dela Teresina al vea da eser proprio bon se un come Atila l'à fat tuta chela strada là sol che par beverghen na ombra.

Alcuni i dis anca che Atila co le passà pal Campardo l'abie fondà la fiera de S.Urban: l'ha distruto medo mondo e l'unica roba de bon che l'a fat l'ha fata qua a Pianzan.

  

TORNA ALL'INIZIO

  

 I FRATI DE PIANZAN

ciacol2Da fonti sicure (na siora che la sta là a do pas) ven savest che na ciacola che ormai la gira par Pianzan da qualche diesina de ani, no la é altro che verità pura: na volta, vizin ala ceseta dee campanele (che la é in tea parte basa dela contrada de Levada-Baver) no ghe n'era gnent altro che un convento (in figura). Par provar sta roba l'é da dir che ani e ani fa, quande che sta siora, apena maridada, l'é 'ndata a star proprio in te quel che l'era stat al vecio convento,  la trovà che la scala par 'ndar su de sora la vea tuti i scalin consumadi. Cusi la à domandà: "Come ela come po'  qua che la casa la é quasi nova e le scale le é tute frugade?" E i ghe à rispondest: "Siora na volta qua ghe n'era i frati, i é stati lori a forza de 'nadar su e do". E cusi l'é grazie a sto scambio de parole che ades saven che no l'é vero gnent tut quel che i à dita dent studiada e esperti de storia a proposito de sta roba. LEVADA9

Tuti i scriti e le pagine de storia locale che i dis che là ghe n'era sol che do preti (che i vea da dir mesa in e la ceseta) no  i è altro che bale, bale grande come na casa.

Penseve che ven fin trovà la letera de fondazione de la cesa de S.Giovani e ancora inco ghe n'e storici locali (i dis lori de essere storici) che i publica libri disendo che la cesa la e vecia anca prima del mile, che ghe n'era i frati e tante ciacole del genere. Ma voleo davero saver tuta la verità? Andè alla pagine della VERA STORIA DEA CESA DE SAN GIOVANI ALE CANPANELE.

  

TORNA ALL'INIZIO

  

 PIANTE DE VIDE IN ZHIMITERO

ciacol3  

Prima  che 'l zimitero al fose spostà drio  l'oratorio de Sant' Urban (pi o manco sul finir del 1800) l'era, come dapartut tut atorno ala cesa vecia de San Lorenzo.

Come che se vede su sta foto vecia, l'era sto vial de ingreso e le tombe messe da na parte e dall'altra....un prete de Pianzan de chei ani (sen in tel 1600-1700) ghe à saltà par la testa de meter su un fià de coltivazion in zhimitero: piantar un pochge di vide e farle corer su pai morer.

No se sa parché o par come, o se par caso la sie stata par via che 'l vin che 'l bevea a past e a dir mesa no l'era tant bon...comunque sia al se a mes a piantar vide rento al zimitero!

L'andea vanti pian pianin sempre galivo: na riga de morti e na pianta de vide, na riga de morti e na pianta de vide: par forza che le vide le vegnea su bele smorvede e che la ua e al vin i era boni!!!.... co tut quel che le era coltade no podea eser altro che cussì....

La dent del paese no ghe fea gran caso, ognun tendea pal soo, qualchedun al varà anca pensà che l'era un pò strano sto vin dei morti, ma tutto sommato fea anca comodo aver un pò de ombra in zhimitero.

Brut dì quel dì che l'e rivà a al Patriarca da Venezia! Vide de qua vide de là!

Eh gnet al ghe à fat cavar su tut e l'e anca andata ben cussì...

  

TORNA ALL'INIZIO

 

 AL SAC PIEN DE SCHEI

ciacol4
Dopo le do guere se à difondest na ciscola che la dis che i todeschi i varie abandonà un sac pien de schei in te na colona de na casa vecia de Pianzan (in figura). 

De sicuro l'e na storia vera parchè l'ho sentida da un per de veci che i l'a sentida dai so pari che i ghela vea dida qualcheduni, quindi fonti sicure!...anca se ghe n'è do tre version

1) L'e stati i todeschi in tei ani 40

2) I l'ha scondesta le femene in tel ano de la fan

3)....

Fatto sta che ancora incò quyalchedun ciapa a martelade al muro de sta casa in tel Pramui e no l'è raro veder anca qualche bocia col metal detector che 'l frazha tra le shiese.

Essendo un mistero pì grando del Sant Graal i dis anca che i 'Mericani i vepie da far un film.

  

TORNA ALL'INIZIO

   

  

 PATATE O CESA NOVA?

ciacol5Sul finir dela Seconda Guera i Mericani i bombardea spes lungo la ferovia par tajarghe i rifornimenti ai Todeschi e i se la ciapea anca coi campanii parchè i pensea che se i Todeschi i se vesse ritirà sue montagne i varje tacà a spar ciapando le misure coi campanii.

Fatto sta che un dì i ne à butà do al campanil, i lo ha fat stando tenti de no far massa danni ala cesa e in efeti podea andar pedò, volendo se podea recuperarla sta pore cesa.

I dis anca che ghe fusse i partigiani che i guidea i bombardamenti co na radio scondesta dentro un locul in zhimitero, ma questa l'e nantra storia...e addirittura che 'l prete fusse informà o anca daccordo sul bombardamento.

Insomma la cesa l'avea una part del cuert sfondà e 'l cambanil disintegrà, al prete de Pianzan che già al sogne de far su na cesa nova, l'à pensà de profittar dela situazion e magari ciapar anca qualche scheo coa scusa del bombardamento (schei mai rivadi parchè i se à incort che la cesa no la era stata ragada al suolo)....però no l'avea al posto dove farla su.

Alora al ghe à domandà ala parona del camp de patate dove che ades ghe n'é la cesa nova: "Siora, disela che po' se qua invenze de far vegner su patate vegnese su na bea cesa?"

Cusita la fameja che la era parona de quel camp la ghe à donà al camp ala parochia e l'é grazie a sto ato de generosità che ades la cesa de Pianzan la se trova proprio là.

 

TORNA ALL'INIZIO

  

 LA TROTA PI GRANDA DEL MONDO

ciacol6

Rento par via Codol che da Baver la va a San Fior de sote, ghe n'é al famoso "Pont dela trota" (in figura), ciamà cusita parchè in te un zherto periodo dei ani '80 in tel Pandin (che sarie al fosal che ghe pasa sote) ghe n'era na trota che de cusì grande no so ghe ne vea mai viste, par dir al vero no se ghe ne vea mai viste ne de grande ne de picole.

I disea che stà trota la ndea spes e volintiera a riposarse a l'ombria sote sto pont e le par via de sto fato che al pont le stat ciamà cusì.

Le ciacole le gira par le osterie e i omeni i rivea da tute le bande par provar a pescarla; de sabo e de domenega ghe ne rivea tute le setimane almanco zinque coriere piene.

I treni che rivea a Pianzan i era cussì pieni che i pasegeri i stea streti come le sardele e sui treni che partisea da Pianzan i tegnea sempre un vagon vodo pa metter la trota del Pandin in caso che i ghe la fese a ciaparla.

Comunque nessun nol ghe la mai fata e la trota dopo un poc de temp che la e stata là la e andata via e no se la a pi vista.

 

TORNA ALL'INIZIO

  

 AL VERO MAZZARIOL

mazarol

 

Sul mazzariol l’e stat scrit un zhentener de libri senza contar le ciacole e le stoiele, i lo conosce in tut al Veneto e ‘l Friuli, ma ve assicuren da ciacole sicure che 'l vero Mazzariol al sta a Pianzan.

L'unico dubbio dei studiosi de Pianzan l'e quel de capir ben se 'l Mazzariol al sie scondest a Levada o Baver: l’e tanti veci pronti a giurar de verlo vist in medo ai camp dela Levada vizhin ai fos e a le sorgive drento par via Canpanele o via par de la, dove che l'e la Fossa Rossa.

Bisogna dir però a onor del vero che l’e anca chi che giura de esser stat perseguità tante volte dal Mazzariol che ogni not al se dea da far par ingatiar le cavezhe dele vache e dei cavai in tele stale.

Adiritura sempre a Pianzan, al Mazzariol al ndea anca drento le case a tirarghe i piè dei tosatei scondesti sote ai pajon.

Da tute ste testimonianze sicure nessun pol meter in dubio che a Pianzan ghe sia davero al Mazzariol!!

Pecà che al dì de incò nessun bocia epie pi vist al Mazzariol...par forza! i è sempore drento casa davanti ala television, ai videogiochi e a tutte quele monade là. se indesse pai camp a far malani chissà che magari, forse che forse i lo vede.

 

TORNA ALL'INIZIO

  

 AL GAT CO 'NA ZHATA SOLA

Se nol avese vist coi me oci no ghe varie credest tant a sta storia epura pose garantir che l’e pura e genuina verità.

Drio l’Asilo stea na veceta che l’avea un gat roso de quei che te ghen vede tanti in giro, un dì sto pore gat al se era ciapà rento con na zhata sula rete de fero che fea da recinzion ala casa.

Destirà e impaurì al se movea come che se ‘l fusse indemonià, ma par quanta bona volontà che la ghe mettesse sta siora, la zhata no la vegnea via.

Sta pore vecia no la savea proprio come far: se la se vizhinea la se ciapea un grun de sgrafade, l'avea provà a jutarse co la scoa e coi bachet ma no l’era riusida lo stes a liberarlo…alora l’ha pensà ben de…TAJARGHE LA ZHATA AL GAT!

Sì, sì! Senza perderse de animo l’ha ciapà la forvese par la lata e.... zacchete via la zhata!

Figureve al gat!

I conta che al sie partì come un razzo e l’epie attraversà a temp de record tut al camp sportivo…e co na zata in manco anca!

  

TORNA ALL'INIZIO

  

 BRIVIDI A BAVER

LEVADA8Qualche vecio de Baver ancora se ricorda che 'na volta i disea che la vila de Baver la era piena de fantasmi, 'sta vila la e sempre stata misteriosa a scuminziar dal fato che nessun sa ben chi che l'ha fata su, se sa sol che in tel 1700 la fameja De Marchi de Zheneda l'era parona, ma esendo siori de città no le che i se fesse veder spes da ste parti.

La storia dei fantasmi forse la e legada a 'na serie de fati strani sucessi tanti ani fa che ades ve conte.

In tel giugno del 1810, Maria, che la abitea probabilmente in te la vila la more improvisamente, ma al prete al nota sul so libro ch l'avea tuti i sintomi de un avelenamento, no finisse qua la storia: fato sta che su sta vila abitea anca na femena, Orsola, che i disea essere mata da sempre (magari la centrea qualcossa???) e che dopo 9 ani la se à butà do dal balcon.

Morta sul colpo.

Poc dopo 'na so cognada che la spetea un fiol l'à avu un aborto (forse per l'impresion de sti fati?).

Dopo ste morti strane le fameje che abitea là le ha abandonà sta vila un pò ala volta.

In tempi recenti, 40-50 ani fa, la vila l'e anca stata usada come deposito de bare.

  

TORNA ALL'INIZIO

  

 LA VACA LIGADA SUE SBARE

Ancora i conta che 'na volta un contadin che 'l portea 'na vaca par la cavezha l'e stat blocà dale sbare mentre che l'andea verso la basa.

Savendo che (alora come incò) ghe volea un tochetin parchè pasesse al treno, l'à pensà de ligar la vaca ala sbara e de 'ndar a farse 'na ombra al bar ala stazion.

Cicola ciacola al temp al passa, al treno anca e co i à tirà su le sbare la pore vaca l'era ancora ligada coa cavzha, anzi i dis proprio che la vaca la sie stata tirada su dal sbare!

Figurarse!

 

TORNA ALL'INIZIO

  

LE GRAZIE DELA MADONA DE LEVADA

Questa l'e na storia de devozion, fede e speranza che liga la dent de la Levada co la so Madona.

Come che saven a inizio del secol scorso a Pianzan i à fat un voto ala Madona par la tempesta e qualche ano dopo quei de la Levada i à scuminzià a far su 'na cesa dedicada ala Madona "Ausilio dei cristiani", co la guera in medo ghe à volest ani par finir l'opera e tanti sacrifici, ma in tel '23 i à podest inaugurar 'sta cesa e rinovar al voto ogni ano (fin des!). Vai alla STORIA DELLA CESA DE LEVADA.

Ben, da chela volta de tempesta che destira ua e panoce no ghe n'e pi stat in te la borgata, anzi, altre grazie le se à somà a questa, una dele pì grose ancora i la conta...

LEVADA7Una grazia sicura co tanti testimoni l'e sucessa intorno al 1945, alora la Teresina Stival l'era stata operada de apendicite, ma qualcossa l'era andat stort tant che ghe iolea la gamba e no la podea pì caminar se no strasinada da do persone e co tanto tormento.

Se vizinea la data del 10 giugno co la fameja ricordea so pore popà, in te quea ocasion la ghe tegnea ad andar a messa cussì la se à fat jutar par rivar in cesa. La l'à pregà tant e piandest tant sia par la sofferenza sia parchè ormai la se vedea inferma e pensar che la dovea sposarse...Improvisamente la se à sentì guarir e le gambe non le ghe fea pì mal, le parea justade!

Alora la se a mes a zhigar dala contentessa e a ringraziar la Madona par la grazia: tuta la fameja che l'era là in cesa l'era spasemada dall'emozion e parfin dall'osteria dela Teresina i e coresti fora a veder cossa che l'era succes tanta l'era la confusion.

Do ani dopo la se à sposà e l'à avù un tosatel, l'e morta a 88 ani nel 2012 in Uruguai.

Se ndè in sacrestia vedè quanti ex-voto che ghe n'e, tuta dent che à ricevù grazie par intercession de la Madona e so de par zherto che anca al dì de incò l'e stat dontà ex-voto novi.

A dirla tutta, 'na volta esistea anca ex-voto de oro (colane, anei, bracialet) che però i li à vendesti al prete co se à tratà de far su la cesa nova. L'e restà solche la lista dea roba e la vetrineta che ades l'ho recuperada par mettar dentro i ex-voto.

  

TORNA ALL'INIZIO

  

AL MORER DELA DISCORDIA

In tei ani '20 del secol scorso riva in Levada un bel grupet de fameje par lavorar la tera poc sfrutada de quei posti, ai Stival vegnesti fora da Collalto 50 ani prima se donta ste fameje vegneste do da Montaner e dintorni.

Noantri a Pianzan se vea un raporto stret coi paesi vizin a Sarmede e Montaner parchè se se scambiea la farina de forment co la farina de castagne a pari peso, cussì omeni e femene i se conosea e nasea storie d'amor incrosade.

Co i e rivadi, un dei caporioni l'à paintà un morer che incò l'e deventà grando e gros e 'l richiede spes de esser zharpì e de esser curà.

Al fato l'e che sta pore pianta la casca in medo a mi no so quanti confin e l'e un grun de fameje che ghen rivendica la proprietà anca sol par un fato de prinzhipio, no zerto par al valor!

L'e chi che vanta testimonianze e ricordi dei veci, chi testamenti, chi mappe, l'e 'na roba da no creder se non se conosse al fatto.

Ogni ano, caschese al mondo, co se trata de zharpirlo scuminzia le manovre parchè tuti vol farlo....ma nesun vol farlo... e chi che vol farlo vol farlo ala so maniera che l'e l'unica giusta (oviamente).

Co un ciapa corajo e monta sul morer coa sega vien fora al casin, tuti i salta fora de casa vantando la proprietà, al dirito de tajar e la giusta maniera par farlo, co le imancabili minace de tajarlo do da dabas.

Sto simpatico teatro (parchè ala fine no l'e mai 'na vera barufa) no manca i vizhini, anca quei che no c'entra gnent i se presenta par dir la soa e discuter co un e co l'altro par inderegar ancora de pì al vesper.

Co l'e finì i lavori tuti i torna amighi come prima (pì o meno).

  

TORNA ALL'INIZIO

  

AL PARACADUTE DE SEDA

0051

 In tela seconda guera mondial co caschea do un paracadutista l'era 'na grazia miga da poc...par via del paracadute!

Qua a Pianzan se vea anca un aeroporto sul Campardo par cui l'era un bel via vai de aparecchi e battaglie aeree, normale che ogni tant qualchedun vegnesse do, par guasti, mitragliamenti o robe cussi.

A chei tempi al paracadute l'era fat de seda, roba preziosa, come se caschese oro dal ciel, l'e facile imaginar che quando pian pianin vegnea do un paracadute la dent la ghe coresse drio par ciavarlo, anca solche un tochetin e no penso che 'l paron del paracadute al vesse massa estro de intrigarse.

Ogni toc del paracadute al servia par far roba da vestir, specialmente camise coi toc pi picoli se vea la biancheria par la cesa: a Levada l'e ancora un conopeo (niziolet chel cuerde al tabernacol)  e altri paramenti de cesa fati co la seda del paracadute e ricamà dale tose dela borgata.

In te la foto qua vizhin un pochi di paramenti fati col paracadute, al conopeo ricamà i la portà su dale suore e ogni tant se lo vede in ceseta.

 

TORNA ALL'INIZIO

  

STRIGHE

Come in tuti i paesi vien fora anca qua le ciacole sue strighe, specie 'na volta.

In pratica sarie dele vecie che le trafichea co le erbe par far intrugli o le savea come butar al malocio a qualchedun co strani riti coe piume dele bestie, tanti i conta de ver passà bruti momenti e chissà come e parchè si à incort di ver na corona de piume dentro i cusin, ala fine se te brusea tut pasea anca al maleficio (al de incò invezhe pararie che tocche ciamar i maghi dela television).

I disea che se te butea la scoa de travers la porta la striga no la podea entrar, l'era anca un modo par sgamarle.

Anca co resi tosatei l'era ste ciacole, anzi, i disea che sul Pramui vivea l'ultima striga coi cavei tuti rufadi e se 'ndea spes in bicicleta a curiosar.

Al di de incò de par zherto alcune vece le pica ancora fora dela porta al mazet dele 7 erbe par tegner lontan al diavol e i malefici.

 

TORNA ALL'INIZIO

  

 CIAMAR I DIAVOI

Altra desgrazia dei giorni nostri l'e i riti satanici e le messe nere che qualche ano fa qualche masnada de desperadi che no se sa, i fea in zhimitero.

I dis che 'na volta i epie fat in zhimitero a Pianzan le robe in grando co tant de sacrificio de bestie sue tombe e sangue da par tut, un gran casin che al comun ghe à tocà serar al zhimitero par 'na matina e ciamar al prete par riparar al sacrilegio.

 

TORNA ALL'INIZIO

  

AL SOGNO DELA COTA

0045

  

Prima del Consilio se usea tanti paramenti che incò no se usa pì, un de questi sarie la COTA che l'è na specie de camisa coi ricami, incò se la usarie sol par le celebrazion in cesa diverse dalla messa, ma spes i se mette al camice sennò i dovarie metterse anca al camison nero (talare) che nol va pì de moda. Oppura i dovarie mettersela i preti che durante la messa no i concelebra, figurarse incò, no te trova gnanca chi che celebra figurarsi chi che assiste.

La cota che vedè in te la foto l'e stata fata prima de la guera e ricamada da 'na vecia, la siora Stella, co un ricamo cussì rafinato, cussì complicato e cussì bel che sol vedendola dal vivo in te la cesa de Levada se pol capir quel che o' dita.

Ripeto, vardelo ben anca in toto, l'e stat fat tut a man.

Pasa i ani e passa la guera, un dì al prete par sbajo al ghe peta drento co la manega su 'na candela e in medo minuto la manega ricamada la va in fun...ripararlo dopo tanti ani sarie stata dura, ma la siora l'era morta da un toc e riprodur un ricamo del genere l'era pì impossibile che difficile.

L'unica che podea provar a justarlo l'era 'na dovena Adelina che par ste robe l'avea 'na manina de oro e che la se era ciapa a cuor sto servizio co pazienza e passion, ma par quant che la provesse e la studiese al ricamo dela manega restada bona, no l'era verso de vegnerghen fora.

Massa difficile capir i giri del ricamo, i grop e i contro-grop, al disegno e tute quele robe là, ormai i era un pò tuti rasegnadi...ma...

'Na not la siora Stella la ghe à vegnest in sogno all'Adelina spiegandoghe la maniera de rifar al ricamo par filo e par segno, ciapa qua, tira là, ingropa su e ingropa do: deto-fato, al di dopo l'à scuminzià a rifar la manega col ricamo segreto seguendo i consigli del sogno e al lavoro l'e stat completà ben che non se vede la differenza tra le maneghe.

  

TORNA ALL'INIZIO

    

LA CESA DE SANT'URBANET

S.UrbanLa ceseta de s.Urban (che 'na volta i ciamea anca "Sant'Urbanet") se à sempre savest che la podaria esser stata una de le pì vece del paese e del comun, in te sti ani l'e stada sistemada par ben e saven finalmente che l'e stata fata su intorno l'anno 1000. Vai alla STORIA DELL'ORATORIO DI SANT'URBANO.

Alora, visto che nessun sa come e parchè i la à fata su proprio là in te quel posto, tanti "storici" (i dis lori de esser storici) i se à buttà in tei ani pasadi co un grun de fantasie.

UrbanoIIpapaUna l'era quea che la ceseta la sie stata fata su in tel XII secolo in memoria de papa Urbano II che 'l varie promosso le crociate: al de la del fato che no l'e gnent da festegiar in te 'na crociata figurarse se a Pianzan in tel 1200 i savea qualcosa de crociate, i ghen varà sentist parlar trecento ani dopo se va ben e po volendo far i professori Urbano II no l'ha indetto nessuna crociata (G. Vitolo, Medioevo. I caratteri originali di un'età di transizione, Sansoni, 2000, pp. 318-319.). Ste robe i le scrivea su veci libri de storia, ades saven che sto pore papa no l'avea nessuna intenzion de inderegarse su co le guere, anzi l'era un pacifista, andè a lederve la so vera storia va! 

CavalieriNo basta, in tel 1600 ghe n'era un storico che siccome nol vea grossa passion de far ricerca l'ha pensà ben de inventarse mede robe par render i so libri pì bei (anca inco ghe ne quei che.....speta che tase va) secondo lu ghe sarie stat un combatimento de cavalieri (in in tel 1100) in zona Sazhil e par festeggiar la vittoria i varie fat su la ceseta de s. Urban a Pianzan...mah!

  

TORNA ALL'INIZIO

  

LA DIFESA DELL'AVV. RIGATO

In tel dopoguera l'era 'na forte contraposizion tra comunisti e democristiani par via dela politica e da 'na parte e da l'altra i le provea tute par strasinarte a votar da la so banda.

Una dele storie pì strane che ho sentì l'e questa: alcuni dea DC par convinzer la dent a votar par la so parte i ghe disea: "Vota DC cussì co te mor l'avvocato Rigato al te difende davanti a nostro Signor".

L'avvocato Rigato l'era un importante politico e avvocato de Biban mort un grun de ani fa...figurarse se al Signor al se lassa inzhinghenar su dai avocati!!!

Ma a quei tempi la dent la era sempliciota e l'avea tanta paura de finir a l'inferno...

  

TORNA ALL'INIZIO

  

AL MUS COE ZHATE PAR ARIA

Ve conte sta bea storia patrimonio dea fameja Zago, pi o manco coe parole de come i me l'à contada:

"Co se era boce (anni '30) i ne mandea a tajar le zhimole sui camp dele Code in te le Canpanele. Se vea un mus che l'era na bestia, bisognea ligarlo a un salez cussì...parchè se te lo lighea a na arnera al te la cavea su. Bon, carichen sul caro le zhimole e molen al mus e noaltri boce sul caro. Se vea da far do curve seche: al mus al parte come un ljevro, la prima curva l'aven fata su do rode, la seconda sen zholadi dal caro sora le zhoche dei morer drio al fos che ancora ò al sbrego sua panza. Intant le cavezhe del mus le se à intorcolà sule rode del caro, ma al mus l'à continuà a corer e l'e rivà a casa coe zate davanti par aria par colpa delle caveze intorcolade sue rode...e le zhimole spandeste par tute le Canpanelle"

  

TORNA ALL'INIZIO