I PANEVIN A PIANZAN 'STO ANO

 

Panevin a Borgo Guzzo

(vedi locandina sotto)

Panevin de Confin 2017

Quest'anno nella strepitosa location delle Campanelle (giovedì 5, dalle ore 19,00 in via Piave (loc. Campanelle))

 

...e tanti altri Panevin privati piccoli e grandi!. Tutti pronti verso le 20.00; tempo permettendo...

AA-Panevin

   

VITA, MORT E MIRACOI DEI PANEVIN A PIANZAN

Al panevin l’é un rito de ciara origine popolare e de sicuro par gnent religiosa, anca se a dir al vero, specialmente se pensen ai panevin de na volta, no ‘l manca de aver dei momenti de preghiera e de ringraziamento. Se pol dir alora che come par tante altre, anca in te sta tradizion popolare al sacro e ‘l profano i se incrosa e i se missia su insieme squasi come che una dee do robe no la avesse senso senza de chealtra.

Al panevin al consiste praticamente in tel brusar un grun pi o manco grando de legne che le vien daa zarpidura dei vigneti o dai scarti del taio dee ziese; sora ‘l mucio de legne in genere ghe vien mes anca a “vecia”, un putinot fat de straze che ‘l ghe someia apunto a na vecia striga. Secondo a tradizion, brusar al panevin e a vecia l’é un modo par propiziar l’ano novo pena rivà zercando de scongiurar e de parar via a miseria, e desgrazie, a fan e tuti i mai che sarie podest capitar e che i é rapresentadi proprio daa vecia. In tel stsso temp a gente, che la è tuta radunada atorno al falò, la canta parché l’ano novo al sie un ano de abondanza e parché al teren al sie fertile e ‘l porte tant fruto. E l’è proprio par via de questo che ‘l mucio de legne al ciapa ‘l nome de panevin; na volta infati se doperea tant l’espression “’ndar a ciamar panevin”, che volea dir ciamar e domandar apunto al pan e ‘l vin par al novo ano; l’è da tegner presente che ‘l pan e ‘l vin i é i do elementi pi de sostanza e pi rapresentativi del magnar de na volta e anca de ades, oltre a esser da sempre par a cesa e par a religion i simboli del nutrimento spiritual prima ancora che material.

In tel repertorio de canti ghe n’é sia canti tipici che i vien fati solche in te sta ocasion e che i serve apunto par domandar l’abondanza dei prodotti dea tera e no solche de quei, sia canti de cesa che invece i serve par ringraziar e par invocar a protezion del Signor, dea Madona e dei santi, sia altri canti popolari che quasi de sicuro i è stati introdoti in tempi pi recenti e che i serve pi che altro par far cresser al senso de agregazion dea dent che a partecipa a sto rito tradizional. De seguito ghe n’é scrit i testi de un per de canti da panevin de quei che i vien proposti de pi dae nostre bande:

El panevin,

a pinza sul larin,

a puenta sul fondal,

al vin in tel bocal,

eviva carneval.

Renghe, strenghe e bisatele,

che le biave (o le tose) le vegne bele

da lontan,

da vizin,

Dio ne dae la sanità

e ‘l panevin.

E strofe de ste canzon e vien sempre cantade co voze ferma e co gran potenza, quasi da esser sbaregade; oltretut a cantada a vien prolungada spes e vointiera fin squasi a finir al fià che se à renta in tei polmon. Questo sucede parché no se pol propiziar l’abondanza e a prosperità tirando fora na voze ziapa e senza forza; al contrario, par aver al pi possibie daa natura, bisogna zercar de cantar pi forte e par pi temp che se pol.

A Levada ven anca l'inno:

A Levada a Levada ghe n'e tante tose

ma de bele gnanca una

la pì bela la pì bela la brusemo sul Panevin

 

Vardando a direzion dove che l’aria a porta e fuische del fogo del panevin, se pol trar al pronostego par l’ano pena scuminzià; se e va verso matina, cioè verso dove che se leva ’l sol, alora ‘l sarà un ano de miseria e de carestia: “fuische a matina, ciol su ‘l sac e va a farina”. Se e va verso sera, in direzion de dove che ‘l sol al cala, inveze al sarà un ano de abondanza e de prosperità: “fuische a sera, puenta a pien cagliera”. Se però e ciapa na direzion che l’é na via de medo dee do, alora anca l’ano ‘l sarà na via de medo e quindi né de abondanza ma gnanca de carestia: “fuische a mesodì, puenta cussì e cussì”.

In tea sera del panevin se usa anca bever al vin brulè e magnar a pinza; par chi che no i o sa (ma no l’à da esserghen tanti) al vin brulè no l’é altro che vin normae de qualsiasi quaità che ‘l vien fat boier in te na pignata desfandeghe rento un poc de zuchero, che oviamente i o fa un fià pi dolz, e dontandoghe ciodi de garofano e fete de pon, che i ghe da un poc de gusto in pi. Al vin dopo al vien butà co l’é ancora bel boient co a caza diretamente daa pignata rento in tei goti; bevest suito al scalda ‘l stomego e anca tut al resto, ma sopratuto al smoia ben al gargat e cussì ‘l fa cantar ancora meio. A pinza inveze l’é ‘l dolce tipico del panevin, e a vien fata solche in te sta ocasion; no ghe n’é na riceta precisa, anca parché ognun che i a fa ‘l ghe buta rento quel che ‘l vol, anzi, secondo a tradizion sarie da butarghe rento pi roba possibie, e questo parché par propiziar l’abondanza ghe vol abondanza e alora tut quel che se voarie aver in gran numero in te l’ano novo al dovarie esser doperà come ingrediente dea pinza. L’é anca par via de sta roba che aa fine a pinza, pur essendo veramente bona, no la é proprio tant legera; gnent comunque confronto a quee che i fea na volta che e vea da esser come maton. L’é par quel che dee volte, quande che se à a che far co qualchedun un fià sgionf, ben piantà e bastanza pegro se usa dirghe: “Te se proprio un pinzon!” Secondo l’usanza ani indrio a pinza a vegnea cusinada sote a zenere, al contrario de incó che a vien fata in forno; i ingredienti de base dea pinza de ades comunque de soito i é farina, zuchero, ovi, late, butiro, sal e uveta seca, dopo, a seconda de quel che ghe piase a ognun, se usa dontarghe anca scorze gratade e suco de limon o de naranza, pon a tochetin, fighi sechi, pinoli, fruti canditi, zenoci, nosele o cuche pestade su, graspa e sicuramente tante altre robe. A tradizion a dise anca che magnarghen de sete quaità diferenti porte fortuna; se se sta là a vardar tut insoma a sera del 5 de genaio de sicuro no se patis a fan.

Na volta ‘l panevin al vegnea fat in ogni borgo e in ogni s-ciapet de case; incó inveze ghe n’é tanta manco dent che ghe partecipa, e in giro se usa de pi far un panevin grando par tut al paese che no tanti de picenini, anca parché o tuti i à ancora tera e disponibiità de legne par poderlo far su. A roba pi bruta però l’é che ormai in tea pi granda part dei posti dove che ‘l vien ancora fat ormai l’à pers squasi tuti i so significati e cussita ‘ndando in giro se pol catar posti dove che i fa a gara a chi che i o fa pi grando, ma sopratutodove che no se canta pi, dove che no l’é gnanca pi nessun che sta atorno al fogo, parché tuti quanti i se mete a ciacolar atorno a na baraca fata su aposta par dar fora da magnar o da bever a pagamento. In te zerti posti adiritura i mete su musica moderna o i ciama grupi che i a sona; praticamente se i cavesse via ‘l panevin sarie quel instes, visto che no l’é nessun che ghe fa bado e che a vecia tradizion l’é deventada come na qualunque sagra moderna. E pensar che na volta ‘l panevin l’era considerà na roba quasi sacra da tant importante che l’era; co l’avea finio de brusar al so fogo ‘l vegnea portà rento in casa co un basto dal capofameia e ‘l vegnea doperà par tacar al fogo sul larin. se fea questo par far in modo che tuti i boni efeti che ‘l panevin al dovea portar i podesse esserghe anca in casa e par a fameia o e fameie che e ghe abitea (na volta e case le era tant pi grande e podea starghe rento anca pi de na fameia). Par al stesso motivo al dì drio e zenere del panevin e vegnea spandeste un fià par tuti i camp che cussita i deventea pi produtivi (l’é da tegner presente che a zenere l’é anca un concime natural, oltre che esser un elemento purificante e disinfetante). L’é giusto dir anca che ‘l panevin l’ocupa un posto preciso in tel caendario: infati, pi o manco atorno al 5 de genaio casca ‘l dì dove che ‘l sol al se leva pi tardi; praticamente da quel periodo e dornade e taca a slongarse anca daa matina (a slongarse de sera inveze e taca atorno al 13 de dicembre, al di de Santa Luzia). Insoma se zerca de propiziar a fertiità dea natura proprio quande che se scuminzia a ‘ndar incontro aa staion bona che a portarà fruto, visto che in te quel periodo a luce del dì a taca a cresser in maniera consistente. Al panevin al segna anca uficialmente ‘l prinzipio del carneval.

  

Panevin de Tomasela (borgo Guzzo)

In te la località de borgo Guzzo, ormai a ridos de la bretela, l'e al panevin pì importante in sti ani. I lo fa da almanco 60 ani a sta parte e ogni ano l'e sempre pì bel e pì grando, oltree al panevin i cusina spes anca da magnar tipo fasioi o pasta e panin caldi col radicio o co la panceta, da bever fin che se vol, ovviamente dolci a volontà e vin brulè.        

Va' al VIDEO dei canti del panevin

2017aGuzzo

Panevin 2017, edizione speciale per i 70 anni.

2017bGuzzo  2017cGuzzo


 

 2016Guzzo

Panevin 2016 con la celebre "vecia co l'ombreo"

         

 

2015Guzzo

Vari momenti del Panevin 2015

          

2014Guzzo

Panevin 2014

     

 2013Guzzo

Panevin 2013

  

2012bGuzzo 2012cGuzzo

2012aGuzzo

Panevin 2012

  

 

Panevin de Confin

Panevin proprio vizhin al confin tra Biban e Pianzan drento pal Palù: l'e un Panevin privato organizà da un pochi de tosat dei do paesi: proprio bravi!

2017aConfin

Preparazione del Panevin 2017 nella nuova location in loc. Campanelle a Levada, qui sotto i primi fuochi

2017bConfin

  

2016Confin

Spettacolare accensione del Panevin 2016

  

2015Confin

Panevin 2015 griffato Aperitivo33

   

 

2014Confin

Panevin 2014

 

2013Confin

Panevin 2013 in preparazione

 

Panevin dele quatro strade (non attivo)

Par qualche se lo ha fat prima sui camp de Zanete proprio sul prinzipio del paese, dopo in tel camp vodo del villaggio a fianco al vecio bar al Cacciatore. Dopo però l'era massa vizin ale case e no se a pì podest farlo dala prima metà dei ani '80.

 

Panevin del pra de Sant'Urban (non attivo)

Sto panevin i l'ha scuminzia gli alpini proprio sul pra de Sant'Urban pì o manco in tel stesso periodo de quel dele quattro strade, l'era ben organizzà parchè l'era anca al chiosco, la pinza, da bever, da magnar e da cantar, ma dopo i ani '90 no l'e pì stat fat.

 

Panevin de via Chiesa (non attivo)

Qua sote alcune foto de do sto bel panevin che i fea temp fa, le foto le e del 1977 e se pol veder anca i tosat che i lo organizea sul tere de Sergio Gava.

2017aChiesa  2017cChiesa

Panevin privati 2017 in via Chiesa con lo sfondo della chiesetta di S.Urbano

2017bChiesa


 

07.Pan.Ch 08.Pan.Ch

        

06.Pan.Ch

         

Panevin de Baver (non attivo)

Fat par tanti ani dala borgata stesa che organizza mile attività in tel corso dell'ano, l'era un appuntamento importante anca parchè l'era a ridos dela festa e san Biasi, purtropo da un pochi de ani no l'e pì. Qua sote qualche foto dei primi ani '80.

05.Pan.Bav

                     

04.Pan.Bav 

   

Panevin dela Levada (non attivo)

Anca questo l'e un dei panevin pì veci, pì sentisti e che ana inco' l'ha al so seguito. AL vien fat zo verso le Campanele e come de tradizion qua l'e diviso in do part: prima se canta Panevin e dopo se va a magnar e bever su 'na casa vizian. Fin qualche ano fa l'era cussì organizza' che se tirea anca la tombola, mentre i omeni i zoghea a carte su un canton. Qua soto la foto del panevin 2012.

03.Pan.Lev