Introduzion

Anca Pianzan, come tuti chealtri posti del mondo l’à e so tradizion e e so feste paesane, che le é diferenti ma che in tel stesso temp anca le ghe someia a quee de tanti altri paesi vizini e distanti dal nostro. A pi grossa part de tute ste feste a nasse daa religion e dal culto dei santi a cui le é intitolade e varie cesete (grande e picole) che e se trova par longo e par largo in tel teritorio del paese; col passar dei ani però forse a part pi religiosa a se à un fià pers e a ghe à assà al posto a na maniera de far festa un s-ciantin pi pagana. Ciò, l’é da tegner cont anca che i tempi da na volta in qua i é cambiadi, e gnanca de poc: se ades sten tuti bastanza puito, dopo ogni past leven su daa carega bei passudi e ogni pochi de mesi ‘nden in ospedal a farse far anaisi daa ponta dei cavei a quea dei calcagni par veder se l’é tut a posto, l’é da dir che na volta no l’era proprio cussita, e co parlen de na volta no ocore che ‘ndene indrio de secoi, basta che tornene indrio de zinquanta ani e che ghe domandene ai nostri veci che ades i ghe n’à sessanta, setanta o otanta. Na volta al gros dea gente la era poreta e no a vea gnent, in tee case no l’era né corente né riscaldamento, a parte quel a legne del camin o del larin dea cusina; la dent la ‘ndea a dormir in stala parché, essendoghe le bestie, la era al posto pi caldo de tuta a casa e par lavarse la ‘ndea rento in tei fossai (che però i vea l’aqua neta e no inquinada come incó). Par aver na idea pi ciara de come che l’era a situazion, basta pensar che come che ades che sten benon ne riva qua tanti stranieri, na volta, daa seconda part del secolo mileotozento fin dopo l’ultima guera, l’era a nostra gente, i nostri antenadi e i nostri veci a ‘ndar via a l’estero parché qua no ghe n’era da magnar par tuti. Insoma l’era tempi duri, dove che la dent la vea poc, e de quel poc bisognea farghe de cont; oltretut, essendo che in tee zone de campagna come che l’era a nostra se vivea lavorando a tera, bastea che ‘l temp al fesse un fià ‘l mona (par esempio co na ingelada fora staion, co na istà seca senza piove o co na gran tempestada) par mandar a remengo tut al racolto e par far si che le robe le ‘ndesse ancora pedo. In te ste condizion de miseria e no savendo cossa che sarie capità ‘l dì drio, la roba meio da far l’era quea de meterse in tee man del Signor, dea Madona e de Sant’Antoni, al santo protetor dei contadini, dee bestie e dei racolti. Se pol ben capir alora del parché che na volta i fusse ben pi tacadi a tut quel che l’era preghiera, devozion e cesa, oltretut se pensen ben tuti i capitei che se trova ancora in giro pae campagne i era tant pi frequentadi e tegnesti meio che no ades, e proverbi come “Dio vede Dio provede” o “Dio sera na porta e verde un porton” che i era menzonadi spes in tea vita de tuti i dì, i ne fa capir quant afidamento che la dent la fea sul Signor par tirar vanti.

L’é da sto tipo de cultura qua che vien fora e feste paesane par farghe onor ai santi che i ghe da ‘l nome aa cesa e ae cesete dea parochia de Pianzan. In prinzipio però ste feste le era solche e gnent altro che religiose, visto che le tachea e le finisea co la messa de quel dì che caschea ‘l santo; sta roba qua la sucedea par via che no ghe n’era possibiltà e risorse par tirar su na festa vera e propria, ma sopratuto parché i preti de quei tempi là i vedea come pecà mortal anca e distrazion pi normai come balar e ‘ndar a dogar aa mora o a carte o come ‘ndar a cantar in ostaria; figureve se i assea che i fesse na festa come quee che sen bituadi a veder al dì de incó.

Col passar del temp però a situazion la é cambiada: i ani de vache magre i ghe à assà ‘l posto a ani ben pi prosperi e a mentaità a se à vert fora cussì tant che no se se rende gnanca pi conto de quante robe che se se pol permeter de far confronto a na volta. L’é cussita che le feste e le tradizion del paese le à ciapà man man tuta naltra fisionomia da quea che le vea tanti ani fa; pensandoghe ben però l’é na roba natural e anca iusta che anca dee robe cussì importanti come che pol esser apunto e tradizion le posse pian pianin cambiar e adatarse in tel temp, anca parché se no fusse cussì se podarie trovarse davanti a dee usanze praticamente morte che e vien praticade magari in memoria dei tempi ‘ndati, ma forse no pi par al gusto, par la passion e co la voia de parteciparghe par davero. Insoma, no se pol pensar de mantegner le tradizion precise e intate come che le era na volta, sopratuto al dì de incó che le robe le cambia cussì aa svelta e anca parché in ogni situazion i cambiamenti i vien fati par zercar de far meio de come che l’era prima (no sempre comunque se ghe riesse). L’importante aa fine l’é che reste almanco qualcossa de tuti i motivi e de tute le cause che i à fat si che na tal usanza la sie nassesta; se questo no sucede e se gnanca no salta fora col temp qualcossa altro che ‘l ghe dae naltra o naltre radis (magari anca de tuta naltar sort), alora quea tradizion là la é destinada a morir e a perderse, e come che dis al proverbio, “pitost de perder na tradizion l’é meio brusar un paese”.