TEREN E POSIZION

Al teritorio de Pianzan l'é tut in piana e 'l cuerde na superficie de 8,6 km2 . L'alteza sul livel del mar misurada dala cesa la é de 45 m. Al teren cusì come che l'é ades al se a asestà intant che l'era drio l'ultima glaciazion in tel quaternario, cioè che sarie pi o manco 10000 ani fa. Difati in te chel periodo l'era cuert da un ran del ghiaciajo del Piave che vegnendo do dala Val Lapisina al rivea fin qua portando do un sac de material sasoso. Se a formà cusita al Campardo col teren sec e che 'l scola ben le piove. Poc pi in do invenze, dopo la linea dele risorgive, Pianzan l'à na tera bona e fina e anca tanta acqua.

In tel passajo tra al teren grossolan fat de sasat e al teren co materiai pi fini sucede che la falda la pase pa sora, le fosse pì grosse le l'Albina, la fossa Rossa e la Zigana, ma ghe n'e almanco altre vinti picole sorgive.

Stà diferenza la à condizionà in tel pasà la vita e l'economia agricola del paese e la à fat si che i omini i fese opere de bonifica per spizuir le zone paludose dela parte a Sud e lavori de canalizazion par far rivar acqua in tel Campardo.

 

ORIGINI E STORIA VECIA

Sta pagina qua no la vol eser un tratato fat solche de date, nomi, e de situazion, ma la vol esser na breve introduzion par capir un fiantin al paese dove che se vive. Le zone che confinea co Pianzan (palù de Orsago e San Cassan) bel che in tel periodo Mesolitico (8000-4500 a.C.) e fin in tel periodo Neolitico (2000 a.C.) le era de sicuro abitade e par dirve de sta roba ve fen memoria dei ritrovamenti de un pochi de strumenti fati in tei do paesi menzionadi prima. In te sto periodo i omini i taca a organizar l'agricoltura e a no viver solche de caza, pesca o racolta e i omini i taca anca a costruir i primi vasi de teracota.

Par difenderse dale continue scoribande dele popolazion nomadi i nostri antenadi i taca a ribandonar le palafite par ripararse in te posti pì sicuri. Picoli sciap de persone i scominzia cussì a formarse no prima del 1400 a.C. sule coline dela zona sote le montagne, compreso al col Castelir che ades l'è ciapà rento in tel comun de San Cassan. Da ste coline se podea butar l'ocio su tuta la pianura nostrana e difenderse grazie ala costruzion de picoli vilagi fortificadi. L'è par questo che se pensa che la zona che ades la ciapa rento Pianzan no la fose tant abitada esendo senza difese naturali, a dir al vero ven un per de mutere che le fa pensar a insediamenti paleoveneti, ma fin che se le studia no se pol dir gnent.

In te la foto dal satelite se pol veder un cercol in te la Levada.

Cent0

Pi o manco in tel X secolo a.C. la zona tra l'Adige e al Livenza la à scominzià a eser colonizada dai Veneti che l'era na popolazion divisa in tribù organizade in tra de lore co "capitale" a Este sui coli Euganei. I Veneti l'era na popolazion chieta e relijosa, che la lavorea i camp e famosa parchè la slevea cavai da corsa. Ma verso al III° secolo a.C. par difenderse dal pericol dei Galli ai Veneti ghe va ben de entrar a far parte pacificamente del novo stato Romano e la nostra zona la taca a eser colonizada dai Romani. Al conviver tra Veneti e Romani l'è stat regolamentà da legi come "lex Pompoia de Transpadanis 89 a.C.", che la parifichea le tribù padane ale colonie de dirito Romano. Le de stò periodo la spartizion agraria del teritorio a nord de Opitergium fin al Castrum (fortificazion) de Serravalle costruì par controllar la Val Lapisina. Al toc de centuriazion opitergin-zenedese (division del teritorio in un reticolo regolare fat de linee paralele e perpendicolari fra lore: KARDI E DECUMANI) che riguarda Pianzan le ancora ades evidente basta pensar ala strada Levada.

Le zone dela centuriazion zenedese che la ciapea rento anca la zona dove che ades sorge Pianzan le era proprio poc ospitali par i omini, infati le era cuerte da na vegetazion fisa piena de palù e de bestie servareghe come cui volp, cinghiali, lupi etcc.. Ma i legionari che ghe vegnea dat la tera i avea la scorza dura e i era pronti a ciapar in man qualsiasi situazion. Cussì i fea sù le so case i slevea animai, i lavorea la tera e i ghe tendea anca ai confin, cussì i ghe fea a Roma do grosi servizi: i romanizea la zona e i la difendea . Par poder dir dela presenza dei romani in te la zona le anca stat trovà a Godega na lapide tombale e a Biban na anfora co un poche de monede rento. E po' in tel confin tra Pianzan e Codognè qualche ano fa i e stati trovadi un pochi de resti de case se pensa romane, che ala fine l'è fazile che i andarà cuerti dala Autostrada.

Sen drio parlar dela centuriazion romana del 49 a.c., in chei ani Giulio Cesare l'a sistemà le nostre tere a nord de Oderzo par i veterani de Volteio Capitone, l'a diviso al teren in tanti quadrati e al ghe ne a dat uno pò a un  e un pò a st'altro. Al nome "Pianzan" deriva proprio da un toponimo tardo romano (Plancius+anus) e stea ad indicar le tere de un tal Plancius che poden fa corrisponder allo spazio tra la vecia cesa de Pianzan, s. Urban e via Venturina.

In te ste foto sote ho tracià i segni dela centuariazion a Pianzan come suggerì dai studiosi che se occupa de ste robe, ho segnà anca i nomi dei camp veci, que de S.Urban e quel dea Luminaria, fazile che Pianzan l'e nasest qua.

Cent1

Cent2

Dir che Pianzan vol dir "Piano Sano" vol dir no conoser le nostre tere: a nord l'e al Campardo dove che vin a l'altro ieri l'era tut postoch e se coltivea i rust a su l'era i Palù malsani da far spavento, za tant se te cavea fora un pò de erba par le bestie. De sano da noantri no l'era proprio gnent.

La fine de l'impero e le invasion dei barbari le à mandà a remengo le istituzion e anca al teritorio parchè no era pi nesun che comandea e le campagne le vegnea ribandonade. Le strade le scominzia a sparir e i bosc e i palù i torna tacar a aver la mejo sula campagna. Nase cusì i nomi de via Spina e de via Pramui (= prati molli) .Sta continua disgregazion de raporti tra le persone e la rovina de ogni strutura sociale la à portà a na division del teritorio in pochi centri abitadi separadi tra de lori e par questo co pochi scambi. L'economia la deventa del tipo che ognun fa par conto soo e la è basada in tel singolo villagio fortificà. Tut questo parchè al teritorio le pasà dal "bon governo romano" a un periodo dove che i paroni i cambiea ala svelta e sen drio parlar prima dei Bizantini (fin al 570 d.C.), dopo dei Longobardi (fin al 774 d.C.), ancora dopo dei Franchi (fin al 887 d.C.) e cussì via. Se difonde intant in te sto periodo anca al cristianesimo e vien fondada prima la diocesi de Oderzo (VI secolo a.C.) e dopo quea de Ceneda. Co i è rivadi i Longobardi i se à sistemà in tel confin tra Pianzan e Codognè. I Bavari che i era na picola popolazion che de solito la seguia popoli pì forti e organizadi mejo sto colpo i era drioghe a lori che i li à sistemadi in te la zona paludosa che la à ciapà al nome de Baver.

Ancora in tel 1200 a Baver ghe n'era tuti nomi todeschi, mentre a Pianzan l'era al ceppo latino che i se identifichea pi tardi col cognome Cancian, da na fameja romana de Aquileia, co l'e stat al momento de scelderse i cognomi a Pianzan i se a tutti ciamà "Cancian" e a Baver i a volest ciamarse "De Vivian" dal nome de un siorot del '300 che al comandea in zona (ormai i nomi todeschi i fea brut, mejo un cognome pi talian).

Un secolo dopo averse stabilì in zona i Longobardi i a parà via i Bizantini da Oderzo e i li ha mandadi verso al mar. La nostra zona le alora pasada soto al controllo dela diocesi de Zeneda. L'è de sto periodo al pasajo par de Pianzan (Levada) dei resti de San Tizian da l'ex diocesi de Oderzo a quela de Zeneda. In tel 1074 la zona dove che ades ghe n'é al nostro paese l'é pasada eclesiasticamente dal vescovado de Zeneda al Patriarcato de Aquileja par finir in tel 1180 sote al controlo del Patriarcato de Grado. In tel 1451 al Patriarcato de Grado le stat trasferì a Venezia e cussì anca Pianzan (che localmente le sempre stat soto al controlo dela Pieve de San Fior) le pasà ala Serenissima.

Dopo l'ano 1000 co la fine dele incursion dele popolazion nomadi (de ste quà la pedo le stata quela dei Ongari tra l'899 e al 947 d.C.) scominzia a creser al numero de abitanti e ghe n'é na ripresa economica e sociale del teritorio. I teren i vien recuperadi grazie al lavoro comune dela popolazion del posto (nase cusì al nome de via dele comune) e ala gran man che i ghe dea le comunità monastiche. Altri posti i resta però ancora difizili da eser lavoradi. L'é fazile che in te sto periodo de ripresa al nase un primo insediamento locale (villa o regola) che al portarà ala nasita del nostro paese. Ogni regola la avea la so cesa o al so oratorio col so prete e un so meriga chel dovea risponder de soo del bon andamento dela comunità al Podestà de turno. Al meriga al se trovea co un consiglio de boni homeni par parlar dei afari locali sul cortio dela cesa o all'ombria de grosi alberi (l'Albera a Pianzan a l'è un esempio) o comunque su un posto de fora. Difati l'era un periodo che in politica le robe le cambiea de continuo, tant che ve disen solche dei paroni pi grosi tra tuti quei che à comandà fora de qua.

Dal XII al XIV secolo ghe n'é guera impiantada tra le signorie venete e al Patriarcato de Aquileja. In tel 1164 al comun de Conejan e i vescovi de Zeneda e de Belun i fa na aleanza par darge un taio ale intenzion de Treviso de slargar i confin. Treviso al vinze e al ciapa rento Coneian in tel so teritorio; Zeneda invenze al pasa sote al patriarcato de Aquileja. La guera tra le do part la è continuada ancora fin chè in tel 1189 al patriarcato de Aquileja al riese a vegner rento in tel nostro teritorio, ma in tel 1197 Treviso l'ataca ancora rebaltando i confin. L'ataca anca Zeneda portandoghe via i resti de San Tizian. In tel 1200 Treviso al riva in tel pien dela so espansion co un teritorio che riva fin al fiume Noncello. In tel 1233 i vilagi de Pianzan e de Baver i vien ciapadi rento in te la giurisdizion del comun de Conejan e par via de sta roba la popolazion locale la dovea dar tut quel che servisea par far in modo che la tera de Conejan la tirese vanti puito.

In tel 1314 la Marca trevisana la vien riorganizada e divisa in quatro quartieri. Ogni quartier l'è stat diviso in giurisdizion con a capo na pieve. Le regole de Plangano (Pianzan) e de Baverio (Baver) le e finide soto la giurisdizion de la pieve de S. Fior.) Ste lote continue le portarà a un acordo in tel 1331 tra tuti i contendenti (al Podestà de Conejan, Mastino della Scala signore de Verona e i Da Camino par i veneti e par finir al patriarca de Aquileja) firmà in tel Campardo. Al pato al dura pochi ani parchè in tel 1335 la guera le riscominziada co la mort del signore de Treviso. La nostra zona la finise alora sote al patriarcato de Aquileja (in tel 1351 Pianzan e Baver i è pasadi sote al controlo de Sazil) fin chè pi o manco dal 1400 la Serenissima a parte pochi momenti la comandarà sui nostri teritori fin al 1797.

Co tute ste scorerie de Ongari, Turchi e barufanti vari che i a impoverì le nostre tere,  Venezia che l'a ciapà al controlo delel tere l'a trapiantà un poche de fameje lombarde specie a Baver: riva i Milanese, Bergamasco, Gandin e Vanzela e cussì Pianzan se ripopola omeni e tose fresche.

Al 12.05.1797 al doge Ludovico Manin al desfa al Maggior Consiglio e al ghe da al stato veneto in man a Napoleone. Nasarà cusì in seguito al Codice napoleonico al comun de Godega. Napoleone l'à anca regolamentà la posizion dei zimiteri che i dovea eser fati in zona publica e recintada e no pi vizin a cese o a zone abitade. Dopo la cresemada ciapada da Napoleone in tel 1815 col congreso de Vienna al Veneto al pasa sote al controlo de l' Impero Austriaco col nome de Regno Lombardo Veneto. Co l'aministrazion Austriaca al comun al ciapa la forma de ades. Se riva cusì al 1848 co la prima guera de indipendenza che la a avu' a Pianzan un rapresentante in prima linea: don Felice Benedetti. In tel 186l al Veneto al pasa a l' Italia in maniera definitiva.

 

POPOLAZION

L'é interesante anca vardar l'aspetto demografico del nostro paese. In tel medioevo la regola de Pianzan la avea atorno ai 300 abitanti, mentre la regola de Baver pi o manco 130. In tel 1766 Pianzan l'avea 487 abitanti de questi solche 28 i vea pi de sesanta ani. In tel 1822 le persone le era circa 548 manco confronto al censimento del 1810, par via dele epidemie e dele carestie del periodo napoleonico. In tel 1869, ano del primo censimento italian Pianzan l' avea 650 persone. In tel 1951 ghe n'era 1762 aneme e in tel 1971 2301. Na calada de popolazion la é stata dopo la Seconda Guera Mondiale parché ghe n'é stat na' paca de emigranti. Oltretut l'é da dir che la popolazion la era poreta fin a l'os e e par questo la vita l'era tant condizionada no solche dai fati (guere, invasion..), ma anca dala natura (epidemie, carestie, teremot,...).

EPIDEMIE: In tra tute le epidemie de peste che ghe n'é stat l'é anca quela del 1630 che ghe n'à parlà anca Manzoni, ma sta malatia la ciapà la nostra zona tante volte fin al 1700. Dopo che la peste la é stata debelada chealtre malatie che le à fat tanti morti le é state al vaiolo, la scarlatina, al tifo e la tubercolosi. Tra al 1918 e al 1919 la influenza spagnola la à copà in tel comun pi o manco 70 persone.

CALAMITA' e CARESTIE: Un documento al dis che in tel 1270 ghe n'è stata na tempestada de co garnei tant grosi che: "ammazaron non solo uccelli e quadrupedi ma anco molti huomeni", in tel 1333 ghe n'é stat un "fiero tempo che lasciò cadere tanta grandine così grossa che coprì la terra all'altezza di mezzo uomo" e ancora naltra gran tempestada in tel 1461 "tanta tempesta e tanto grossa che non lasciò foglia sopra gli alberi". Tra al 1500 e al 1600 se à avù un disastro de carestie, come quela tra al 1627 e al 1629 che la à portà ala peste del 1630. Ricorden anca al 1324 che l'é stat un ano strano: la primavera l'é stata bonoriva e le zarese le era madure a aprile, invenze la ua la era bel che fata prima dea festa de S. Margherita (21 de Lujo). Anca al 1628 e al 1734 i é ricordàdi come ani da l'inverno stranamente caldo.

TEREMOT: I teremot che ghe n'é restà memoria i é quei del 1758, 1786, 1812, 1836, 1873 e del 1936 che la rovinà la vecia cesa de San Lorenzo e anca l'oratorio de Sant' Urban. L'ultimo forte le stat quel del 1976.