In te sta pagina trovè 'na racolta dei personagi pì caratteristici e pì importanti del paese, ognun coi so talenti, andè a catarli fora, ghen val la pena davero!           

 

 Basta schinzar sora sul nome che preferì...

 

 

 

 

 

 person1

 

Plancius

Walfredo e Sigisfredo da Baver

Mabono nodaro da Pianzan

Gregorio e Pietro Giacomo Zordan

pre Andrea Cancian

 person3

 

 conti

person5 

 person6

Girolamo e Giovanni Battista Pizzinato

pre Pietro Brescacin

Conti e Contesse de Pianzan

don Giuseppe Maria Barozzi

Felice Benedetti

 possamai buona

 

 

 

 person8

mons. Gottardo Possamai

Regina Zata

Al mat de borgo Baver

Al Tereson

Maurizio Dal Cin

 olivo

person9 

 person10

 MaestraPapessa

 f1

Buttazzi Olivo

maestra Catina

Amelia Stival

maestra Papessa

L’aviatore Fadel

 person11

 person12

 person15

 person14

 person16

Piero campaner

mons. Girolamo Villanova

Adelina Stival

mons. Albino Dal Cin

Al sarto Zeno Buttazzi

 sergia

 person17

person18 

 person19

 person20

suor Sergia

Vico Pradella

al moro Casagrande

Toni Piva

Don Benvenuto

 person21

person22 

 person24

person25 

 Sergio Da Ros

don Sisto

Adorino Brunetta

Arturo Marchesin

Giampaolo Zanette

Sergio Da Ros

 person26

 ten2

 ten3

 person27

 

Severina Zago

I tre tenori

maestro Gobbo

 person28

 arnosti

 LinoLongo2

 

pio 

Santina Fedat

L’Arnosti e la Ana Fantinel

Lino Longo

Filippin

Pio dela Clarice

 

Fino 

 1980 20x25

pierino

 person29

al primo marocchin

Fino

maestra Rosolen

Pierino

Maria De Martin

personaggio30 

 Renato

 pers.az

 

 

Gino Zanette

Renato Ulivati

Antonio Zanette

Nani Maris

 

 

 

 

PLANCIUS

Scuminzien la serie dei personagi de Pianzan co sta persona che la ghe a dat al nome al nostro paese, la dent che studia l’origine dei nomi dei posti (Toponomastica) la da par sicuro che i nomi de posti che finis par –ano i derive da un nome dei veci romani che i domina ste tere, nel nostro caso un tal Plancius che par forza al deve ver avù qualche proprietà da ste parti intorno al terzo secolo dopo Cristo (tant par capirse le la stesa roba a Biban co un tal Bibienus o Vibienus). Par forza no saven gnent de sto on, no sen gnanca sicuri che al sie esistì verament però l’e bel imaginarselo che ‘l riva qua, al mete su casa forse dale parti de S. Urban e da lu vegne fora tuti noantri e la nostra storia. Se proprio dovese dir un posto dove che podea esser casa soa dirie vizin a S. Urban parchè i romani de na olta i vea lo’usanza de far su un altar al dio Mercurio (no quel dei termometri, nantro) e far sacrifici par propiziar i racolti; co l’e rivà i cristiani i a fat sbaracar i dei pagani e al so posto i metea un santo sempre protetor dele vigne, dela tera o dele bestie a seconda dei gusti…beh, S. Urban l’e anca protetor de vigne e bestie par cui se pol pensar che la sie andata cussì.

Prima de finir, nantra roba: na olta i ne disea che Pianzan vol dir “Piano sano” (l’ho scrit in Talian), vardè, a parte al fato che i studiosi i dis nantra roba, come se falo a dir che qua l’era un piano sano? Da na parte l’era i palù de Baver e i Pramui dove che la dent la moria da malaria e pestilenze che fa fin paura, pena un po’ pin su in tel Campardo, pì che tera te trova sas, crode, jera e jeron che par de eser in te un cantier dela General Beton e no su na campagna.

Dopo Plancius la dent de qua la ghe ‘na passà de cote e de crude, Goti, Eruli, Bizantini e ala fine Longobardi che no i a pensà de meio che ciapar i poregrami dei Bavari sconfitti e de piazarli su le tere pedo che i vea, magari quee de confin, cussì se no i moria de malaria i moria par man dei bizantini da Oderzo sempre pronti a menar le man sul confin che pasea proprio da la Levada o via par de là, ma questa l’è nantra storia.

 TORNA SU
   

WALFREDO E SIGISFREDO DA BAVER

Sti qua l’è i pì antichi pianzanesi che se conose, se ve par poc diselo: 14 genajo 1181 tra i pì siori de Ceneda e Conejan troven anca sto Walfredo che ‘l dichiara 800 libre de capital, poc pì del minimo necessario par farse tasar. Pochi ani dopo l’e vegnest fora un proceso sule tere de baver e ciamà a testimoniar l’era Sigisfredo da Baver (anzi da Bavario come se usea ciamarlo all’epoca) che co la scusa de parlar de le so tere al ne conta par fil e par segno come che l’era Baver quasi mila ani fa (1223-1226). Al ne conta che drio la cesa de Baver l’era un bosc de arner e davanti un palù che rivea fin a S. Fior, quei de Baver i se vea ricavà ‘na “fratta” (un po’ de tera bonficada) par far un po’ de fien e forment, però par colpa dela tera malsana no vegnea tanta roba, cusì al posto de tegner vache i preferia le cavre che le è de manco pretese. Sigisfredo al ne conta anca dele fose de S. Fior e de Zopè che noi ades ciamen al fos Cigana e al fos Codol. Ben, la question dela baruffa l’era che dai paesi vicini i vegnea a ciavar legna sul bosc de Baver che invece l’era de dent da conejan, i Coderta, chi ‘l avea ricevuta da Ezelino da Romano…era roba del patriarcato de Acquileia e se sa ben che ai preti no ghe scampa gnent!

Do nomi tedeschi discendenti dei Bavari che se era instalà qua, ma insieme a lori vien cità anca dei pianzanesi co nomi latini (Vivian e Artico de Baver), ormai le raze le era drio misciarse.

TORNA SU

  

MABONO NODARO DA PIANZAN

In tel 1200 anca Pianzan l’era un feudo e l’unico feudatario che se ricorde (forse al primo e l’unico) l’e sto MABONO infeudà dai Da Camino o chi par lori. All’epoca l’avea anca trovà da dir col patriarca de Grado par un per de camp de tera a Baver, ma ala fin i se a mes dacordo: no val la pena de sbarufar par do camp de fien!

In te la figura qua soto, la dichiarazion de Mabono sui camp de fien.

molon

 TORNA SU

      

GREGORIO E PIETRO GIACOMO ZORDAN

 person1No ste ciaparme par mat, ma anca sti do qua ie personagi  de pianzan: penseve che fin ala fine del 1400 pianzan l’era par conto soo, Baver par conto soo e anca al borgo de S. Urban al fea posto a sé, tute tere de proprietà del patriarca de Venezia o so amighi e parenti. Ogni prete che vincea al beneficio de ‘na cesa al se ciapea i schei e magari al mandea qualche prete poregramo par do franchi ad aministrar i sacramenti. In tel 1487 o via par del la al patriarca l’ha mandà do so procuraturi (cioè gente che fea acquisti e afari pal patriarca) e al ghe ha affidà le cesete de S.Lorenz, S. Biansi e S. Urban…insoma in parole povere l’e nasest la parochia de Pianzan e quindi anca Pianzan come paese unico. Sti do qua (zio e nevodo) i era preti par carità, ma i curea pì i afari che altro, na volta se podea deventar preti e far un po’ quel che se volea se te era sior.

Beh deve esere stati proprio lori ad aver comisionà i afreschi de S. Biasi e conosendo l’uso de ‘na volta, scometaria che quei do cavalieri che se vede ie proprio lori, no pol eser altrimenti: chi vutu che vese i schei par far sto popo’ de lavoro salvo lori?

Me imagine la dent de l’epoca: no i savea leder e scriver, libri no ghe n’era tanto meno pai contadini, televison, zornai e quadri gnaca par sogno…ecco, me immagine sti poregrami co ia vist le piture par la prima volta, pì de qualche dun al se sarà spaventà a veder i demoni che i portea via le anime!

Anca al dì de incò che varden le piture (anca se un po’ frugade) se ricorden dei Zordan che par la prima volta i a riunì le cesete sote un unico paron e in fondo i ne a dat l’identità de Pianzan come che la conosen anca indes.

TORNA SU

  

pre ANDREA CANCIAN

Al nase intorno al 1511 da na fameja abastanza siora de Pianzan (disen che no i era poregrami visto che i aministrea le tere che fea a capo la cesa de S. Urban) e visto che probabilmente l’era un fiantin dotà par studiar i lo ha mandà prete. Probabilmente non l’era un de quei preti furbi da schei infati no l’a mai fat tanta cariera, l’ha passà quasi tuta la so vita a far al capelan, infati dovè saver che a quei tempi i preti de Venezia, parenti del patriarca, i fea a pache par aver al beneficio de Pianzan parchè volea dir schei sicuri…zerto che coi vegnea qua e i vedea la desolazion dela campagna (rispeto a Piaza San Marco) i girea i tac e i tornea a Venezia, no prima de ver trovà qualche prete poregramo da lasar qua ad aministrar la parochia: chi mejo de pre Andrea Cancian?

Co sta storia qua i e andati e tornadi: pre Roberto da Bologna (fin al 1556) pre Silvestro Girello (fin al 1559) e pre Domenico Cattaben, tuta dent masa usada ai lussi, Andrea Cancian inveze l’e sempre restà co la povera dent de Pianzan, l’ha fat su ‘na cesa nova sgrandando quea de S. Lorenz, senza lussi par carità, ma i muri al gheli ha messi. Co l’avea ormai 60/70 ani finalmente al patriarca lo ha fat prete de Pianzan probabilmente a furor de popolo: saven infati dagli interrogatori dele persone che tutti i ghe volea ben.

In tei ultimi ani de vita l’ha dovest combater par tegner unì al paese mes insieme dai Zordan, infati quei de Baver i volea ver al so prete, quei de S. Urban al soo…ala fine l’e rivà al Patriarca a dighe a tuti che i se rasegnese che ormai la parochia la era cussì e indrio no se tornea. Co l’e mort i lo ha sepellì davanti ala cesa che co tanta fadiga al vea fat su e curà e par al popolo l’e passà (anca se no le vero) come al primo prete de Pianzan. 

TORNA SU

  

GIROLAMO E GIOVANNI BATTISTA PIZZINATO

person3Se trata de pare e fiol che i era paroni de meda Levada e medo Codognè.

Un dì a Girolamo ghe ha vegnest l’ispirazion de farse na ceseta par so fiol che ‘l volea deventar prete: dito-fato in tel 1720 l’era pronta na nova ceseta sule Campanele. In capo a pochi ani l’e mort Girolamo e al se ha fat sepulir in medo ala so ceseta. La dent de quei posti l’era contenta come no so cosa parchè cussì i podea ver mesa vizin casa senza dover andar su a Pianzan e sopratuto se se vea bisogno de un prete par l’estrema unzion se lo vea a portata de man (na olta se te morisea senza confesarte, comunicarte e robe del genere col cavolo che te finia in Paradiso) figurarse se un moribondo ghe ocorea al prete: i dovea ciapar e corer su a Pianzan e magari par sentirse dir che ‘l prete l’era a Baver.... ora che i lo trovesse e i lo portesse ale Campanele chi che vea bisogno l’era mort e sepulì!!!

Ades ne sembra robe da gnent ma na olta i ghe tegnea a zerte robe. Ma ades i vea Giovanni Battista Pizzinato a portata de man. La dent dela borgata la e stata cussì riconoscente a sto prete che co l’e mort (verso la fine del setezento) i ghe ha intolà la ceseta a furor de popolo e se raconta che ai funerai ghe sia stat un frajelo de dent. Ancora indes se dise mesa su la stesa ceseta, ma nel fratemp l’e fiorì mi no so quante storie e legende che parla de na cesa vecia, de frati, de reliquie e de os de frati che ancora i riposa la soto, in realtà 20-30 ani fa i a riesumà i corpi de Girolamo e de la so fameja e li a trasladi a Codognè sula tomba de fameja, Giovanni Battista inveze i lo ha sepulì davanti al portal dela vecia cesa de Pianzan.

TORNA SU

  

pre PIETRO BRESCACIN

In te sto periodo la dent la stea gnanca mal, da un po’ de ani no era guere…solche in Francia i disea esserghe ‘na rivoluzion…ala fine del ‘700 era un periodo tranquillo tant che da 20/30 ani i Pianzanesi i pensea de sgrandar la cesa parchè le persone le aumentea: Andrea Cancian al vea ciapà la ceseta de S. Lorenz granda pì o manco come quea de Baver e l’avea sgrandada co anca do capelete parte par parte, ma ades no bastea pì. In tel 1800 riva al novo prete Pre Pietro Brescacin e l'e un che le robe le porta fin in fondo, nonostante Napoleone e le so razie proprio qua a Pianzan al porta avanti i lavori de sgrandamento e qualche ano dopo al podea anotar orgoglioso de ver slargà e slongà la cesa col’aiuto de tute le persone de bona volontà. Ma probabilmente al so impegno pì grando l’e stat jutar la dent costretta soto la dominazion e le razie dei soldadi francesi, in chei ani miserie e pestilenze no se le contea. Sora la vecia cesa l’avea fat scriver in latin: “DOM STRUCTUM AT INOPS, ADSTANT GALLI, TRUX URGET EGESTUS, ME COPTO, PACEM SEQUANA ET ISTER HABENT, ossia pì o manco ”Il tempio è stato costruito in periodo di spaventosa miseria e carestia quando eravamo invasi dai francesi e si diceva pace fatta tra francesi e austriaci”. Al ne a scrit ‘na pagineta de memorie e al fine al conclude disendo “Ho fatto la sopradescritta memoria, onde resti ad esempio dei posteri”…e noantri sen qua che riceven al testimone de chi che ne a precedest e lo porten vanti, no fusse altro che l’unico toc dela vecia cesa che l’e restà in piè l’e proprio l’abside che l’e stata sgrandada da sto prete coraggioso.

TORNA SU

  

CONTI E CONTESSE DE PIANZAN

De conti a Pianzan ghe n’e almanco fin dal ‘500 quando che le tere de San Biasi al se le ha ciote Orazio Amalteo, un zentener de ani dopo i Amalteo i se ha costruì la famosa vila sul campardo in medo ai sas, zerto no se podea sprecar tera bona par far su case, l’era mejo fabricar sul Campardo. Coll’andar dei ani l’e vegnest su na bela vileta co le so barchesse, al parco e anca ‘na ceseta intitolada a S. Cristoforo.

I conti De Marchi par no eser de manco i se vea fat su 'na vila compagna proprio a Baver, anca se no i se fea veder spes da ste parti.

I temp i pasa, schei e privilegi i zola via, le vile le passa de man e riva novi conti sul Campardo, sta volta l’e i Lucheschi che ancora ades i ghe vive dentro. conti

TORNA SU

  

don GIUSEPPE MARIA BAROZZI

person5Persona schiva, riservada, un che ghe piasea farse i afari soi, tut al contrario de so fradel Sebastian prete pura lu, ma fervente patriota, letterato e tant altro; tornen al nostro Giuseppe: l’e nasest in tel 1829 a S. Fior da fameja nobile e prima ancora de far 30 ani l’era gia prete a Pianzan. Anca lu a dir al vero come so fradel al credea in te'l Italia unida e de securo al se ha doperà par sto fato senza far tut al casin che ha fat so fradel…un dì però al se ha squaià...

In te'l 1862 al vescovo Bellati l’ha imposto a tuti i preti de firmar ‘na condana contro un prete de Belun che ‘l sostegnea che ‘l Papa al dovea far sol al Papa e no al politico, insoma al dovea lasar Roma come capitale d’Italia…in quatro/cinque no i ha firmà tra cui Giuseppe Maria e Felice Benedetti. Al vescovo l’ha fat un pandemonio: minace, suppliche, lettere, proteste, denuncie al tribunal, ma ala fine i ha pensà ben de meter tut a taser parchè la dent già la scuminziea a brontolar. Tra al vescovo e Barozzi i ha continuà a spunciarse par un mucio de ani, in te'l 1866 i austriaci i ha ciapà le so robete e i tornadi da dove che i era vegnesti e qualche ano dopo co la breccia de Porta Pia anche la question de Roma e del Papa la se ha risolt, a quel punto al vescovo Bellati senza i so amighi austriaci al vea già sbasà le ale da un toc. Sarie bel dilungarse co la so storia ma 'l spazio l’e quel che l’e, comunque ghe ne stat scrit libri e chi che vol pol lederseli al pol catarli fora, qua de seguito scriven solche i libri che lu l’ha scrit:

> 1852 “A don Antonio della Libera nel giorno auspicatissimo che celebra il suo primo sacrificio….”

>  1866 “A Vittorio Emanuele II re d’Italia nel giorno solenne e desideratissimo che in Venezia entra…”

> 1866 “Nelle solenni esequie pei martiri dell’indipendenza e dell’unità d’Italia…”

> 1869 “Flaminio poeta serravallese, lettera a Benedetto Zanner”

> 1869 “Marc’Antonio Flaminio: al signor abate professor Feliciano Foltrani”

> 1869 “Marc’Antonio Flaminio: a Benedetto Zanner”

> 1871: “Di Pietro II Gera patriarca d’Acquileia: memoria”

> 1874: “Esortazione allo studio del patrio dialetto di Giuseppe Barozzi parroco di Pianzano, indirizzata alla gioventù trevigiana”

> 1874 “Una gita in Acquileia: romanzo storico contemporaneo”

Purtropo l’ e mort doven a 50 ani soli dopo aver dat tant all’Italia e a Pianzan

TORNA SU

  

FELICE BENEDETTI

I Benedetti i era ‘na fameja importante de Pianzan e i vegnea da Venezia dove che i era nobili fin dal 1200, un ramo della fameja se ha piantà a Pianzan fin dal 1600: i era specializzadi nel sfornar preti, almanco un per de preti de Pianzan e Biban e anca S. Fior i vegnea fora da sta fameja e infati se vea pensà de meter pì de qualche d’un de lori tra i personagi e ven scelt Felice, l’ultimo e pì grando rappresentante de sta stirpe. Tant par no sbagliarse anca lu l’e ‘ndat prete, ma le robe pì importanti no le a fate in cesa, ma fora.... sentì che storia.

person6Fin da doven se capia che ghe piasea studiar, difati nol ghe a mes tant temp par laurearse in teologia a Padova, subito i lo ha spedì a far da prete a San Fior: sen in tel 1848 ano de moti e rivoluzion, come che ven gia vist al vescovo Bellati al se schierea dove che tirea al vent, dal prinzipio al ghe stea coi Austriaci dopo l’ha pensà ben de deventar patriota, Benedetti invece al se fa in quatro par l’Italia, al se organiza co 60 omeni e al se mete in contato col comitato dei patrioti de Conejan par 'ndar a combater i austriaci. No se sa come che l’e ndati i fati, ma i austriaci se sa i e riusidi a resister e Benedetti coi so omeni i e tornadi casa. Qua scominzia i guai parchè i Austriaci ades i lo conos e i ghe tende: prima al vien trasferì a Campodepiera, ma a furia de dai al se stufa, al mola la tonega e al se ritira qua a Pianzan par dedicarse all’agronomia. A quell’epoca l’era’na moda studiar la maniera justa par coltivar la tera, par migliorar le tecniche de zarpir, ecc…cussì al fea: l’istruia i contadini su come far frutar mejo i teren coltandoli par esempio o pompando le vide co la calz come che proprio alora se scuminziea a far. In te'l 1866 vien la terza guera de indipendenza e qua ghe vien voja ancora de far battaglia: al se organiza co 100 contadini dei dintorni armadi de sciop, scoe, zapon e forcon e ‘l parte par al Tagliamento contro i Austriaci: par fortuna par strada al trova l’esercito e i generai i lo convinze a tornar casa e che no l’e pi ani de far la rivoluzion coi forcon, ormai se se tira drio coi sciop e coi canon…Poco mal, al torna casa e al se ridedica all’agricoltura.

Co Carpenè, Gera e altri notabili de Conejan al fonda al comizio agrario de Conejan che ‘l promove lo studio e la difusion dell’agricoltura, al scrive diversi libri e l fa tante robe importanti, adiritura al fonda un giornal tut soo (Gazzetta di Conegliano) dove che l’ scrive quasi sempre lu, qualche ano dopo al parteciparà ala fondazion dela famosa scola enologica de Conejan. Par tuti sti meriti sociali al deventa cavalier el riceve mi no so quante onorificenze, ma i ultimi ani de vita li pasa quasi in povertà e tormentà dala malatia in te la so casa a Pianzan dove che l’ha fat scriver: DILIGAMUS PATRIAM OPERIBUS (la Patria se deve amarla coi fati). Al more in te'l 1886 e le al primo ad eser sepulì sul novo cimitero de S. Urban (na volta al cimitero l’era intorno la cesa vecia).

L’ha scrit sti bei libreti qua:

  • 1845 “Theses ex universa teologia quas in Caes. Reg. scientiarum universitate Patavina pro summis theologicae  facultatis honoribus rite obtinendis”

  • 1870 “Catechismo Agrario Popolare”

  • 1876 “Il vecchio agricoltore maestro del popolo”

TORNA SU

  

mons. GOTTARDO POSSAMAI

possamai buonaSto prete le nasest a Cison in te'l 1851 e mort qua a Pianzan nel '27, le stat prete anca a San Martin de Cole, a Rugol e dopo a Pianzan dove che le deventà Vicario del Vescovo (cioè al ghe tendea ale parochie qua par atorno) e Cameriere Segreto di Sua Santità che no so ben cossa che voje dir... ma par na roba seria. Chi che ancora se lo ricorda al dis che l’era na persona de caratere, in tei vinti ani che le stat qua l’ha trasformà Pianzan in te un paese importante: L’ha fondà la prima Azion Catolica dela diocesi, l’ha fondà ‘na cassa rurale, l’ha dat al via al coro, ala banda…a quei tempi Pianzan l’era davero al paese pì importante, tra le altre robe l’ha fat decorar tuta la cesa vecia e l’ha sgrandada, par no parlar de altre pitture che l’ha comisionà par le cesete! Restarà memorabili le so battaglie contro gli “artisti locali”, contro la dent che balea a San Biasi e tante altre robe che lu al ne ha lasà scrit sula cronaca del paese. Durante la guera al se a batest par la so dent e penso che i austriaci noi ghen podese pì de un os cussì duro da rosegar!

Par descriver tute le robe che l'ha fat, tute le inovazion che l'ha portà e sopratuto tut al ben che l'ha fat no bastarie un libro, oltre tut l'avea anca la fama de esser un santo, i vegnea anca dai paesi vicini a far benedir i tosatei maladi o furibondi e pararie che al ghen guarise tanti.

Anca se i robea qualcosa lu al fea dele preghiere par sconfusionar i ladri e i farabutti tant che sti poregrami ghe tochea tornar a restituir la roba sennò i ndea fora de testa.

Lu al ghe tendea tuti e no l'ghela molea su gnet che fuse al campanaro, che fuse i matrimoni da combinar e anca i nomi ai boce.

'Na volta un pare volea ciamar so fiol co un certo nome che no l'era quel de so nono (come tradizion), Possamai al dì del batido l'e andat su tute le furie e l'ha urlà "Cossa!!!!? Lu al se ciamarà Toni come so nono e basta!" e cussì l'e stat, ve figureo che storie?

Al savea anca scherzar, anca se se tratea de morte, al disea spes "Picà pa un ciodo, ma qua!!!". Quando che l'era par morir in paese i lo ha veglià par giorni e giorni e co l'e mort l'e stata 'na tragedia par tuti, un funeral che no finia pì, in canonica no i ha tovà praticamente gnent de soo parchè al vivea in miseria come un santo.

 TORNA SU

  

REGINA ZATA

Qua anden sul difficile, tuti i veci i la conosesta ben, ma sinceramente i pi doveni no ia proprio idea de chi che la fusse. Se conta che la stese vizin ala cesa nova (la dovaria esser nata a metà dell’800 o poc dopo) su 'na casa che la caschea in toc: la vivea da sola, però tuti in paese i ghe dea ‘na man co un ovet, un po’ de farina…quel che se podea. Qua bisogna dir che manco che se vea e pì generosi se era, ades te te sente tranquillo se te dà un euro al prete ala domenega e ncora ncora te despiase...sen rivadi a no dormir la not al pensiero de no poder ver al novo telefonin; 'na volta invenze i se cavea anca al pan da la boca par jutarse l’un co l'altro!

Sta persona insoma no l’avea nessun al mondo e ghe tochea laoar la tera anca se la vea 90 ani par sopraviver, ma l’era orgogliosa de la so casa (baraca) e la ghe disea a tuti: “co pizzzze pizzze sul meo” (intendendo dir che la pisea a casa soa dove che l'era parona, siccome l’era senza dent la fea le S e le Z un po’ strane) e in efeti comunque lo fea davero: la Regina la pisea proprio in te la so cusina che la era ancora in tera batuda, senza piastrele!

Saven che la se ciamea "Zata" de soranome parchè l'avea un tic particolare su 'na gamba: in pratica la la batea de continuo par tera.

La so casa la era nera come al carbon (dentro e fora), ma a 'na roba la ghe teghea: la zsiesa. La so zsiesa la dovea essere perfeta, alta verda e senza bus, la ghe tendea tuti i dì, quando che par Pianzan capitea do' le fede dae montagne ste qua le se butea drete su la so zsiesa bea verda, alora la Regina la vegnea fora da casa co un diaol par cavel sbaregando le pì oribili parolate del mondo.

L’e morta in tel 48 e fin ala fine quando che un pasea ghe domandea “Regina Zata vala come?” e ela “Pì che tire vanti le gambe e pì le strasine!”

TORNA SU

  

AL MAT DE BORGO BAVER

Mort al sarà mort da cinquata ani e forse de pì. I se lo ricorda ben le tose (tose de na olta) de la Levada: quando che le ndea a mesa, vespro, e funzion varie in parochia le partia a piè da infondo e camina-camina co le rivea a Baver le vea al teror... Dove che ades le la curva dei pomeri, dove che sta Vico Pradela, na olta era tanti Talpon e sto mat qua al se scondea drio un Talpon e al momento bon al saltea fora par scaturir le tose. Tant par capirse al se calea le braghe e medo nudo al se metea a urlar come un indemonià. 

TORNA SU

  

AL TERESON

Sta femena i se la ricorda ancora parchè l’era un armeron, l’avea ‘na forza pì de do omeni messi insieme, tant che se dele volte manchea un bo’ la se metea ea soto al dof a tirar al vasor coi bò restadi, l’ha pasà la so vita sui camp tant che tuti i vestì che l’avea i era sbiadidi sula schena.

Le nasesta a Pianzan, ma dopo l'ha sposà un Altinier da Godega. Qua soto la firma del Tereson sul so ato de noze.

autografo Tereson

Circolea anca 'na barzeleta sul Tereson:

"Saveo come fa al Tereson quando che la va segar l'erba e la usa al faldin?

Teresin-tereson, teresin-tereson, teresin-tereson"

I dis che la comandese medo Biban, la gestia pì de 100 camp de tera!

TORNA SU

  

MAURIZIO DAL CIN

person8Sen in tei ani 30, Pianzan in quei tempi l’era al massimo delo splendor (!) economico, la ferovia la portea afari e la te permetea de ‘ndar in cità de veder dent, de conoser le mode e de saver le notizie prima de che altri. Inoltre l’era do tre fabrichete, disen laboratori artigiani che i dea lavoro, l’era parfin nasest la lateria sociale de Pianzan, i veri afari comunque i era legadi ala lavorazione dei cavalier: ogni fameja che podea la piantea Morer e la fea al so racolto de galeta par levar i cavalier… In te sti ani di “boom economico” i Dal Cin i era paroni de tante tere, ma i era dei paroni diversi dai altri, no i era aroganti anzi! Tanti veci i conta che Maurizio al jutea sempre chi che vea bisogno, se un vea bisogno de schei lu al gheli prestea senza interesse, se ghe servia lavorar, lu al ghelo trovea e cusì via, proprio par sta so generosità e anca par colpa del partito i schei e i camp ala fine i e finidi, ma questa le nantra storia. De che partito se trate lo saven, lu l’era un dei caporioni del fasismo qua de la zona, ma l’ha sempre vivest da persona giusta e onesta, infati finida la guera lu le restà tranquillo casa soa senza che nesun disese gnent a diferenza de tanti che invece i a pensà ben de scampar senò i li fea fora. Tante robe l’ha donà ala parochia, par esempio la tera dove che le la cesa, l’asilo e la ceseta dell’asilo finanziada da so mare in memoria de so fiol mort bonora. Come che se disea la bontà no fa schei e infati l’e mort senza verghen tanti… Ricordense anca de so moglie che vede sula foto, la e stata una dele prime maestre d’asilo e la ne a lasà un libro de temi sula vita de pianzan intorno ai ani vinti. Anca la suocera de Maurizio l’era un personaggio: sempre vestida de nero coi cotolon, anca da siora la se ocupea ea dea casa e co se tratea de copar al piton la ndea a ciaparlo e.... zacchete! Penseve che se conserva ancora un libret e scrit a man da ela con un grun de ricete de na olta. 

TORNA SU

  

BUTTAZZI OLIVO

olivoL'e mort a 18 ani par l'esplosion de un ordigno a Santa Lucia finida la guera, chi che lo conosea a lo ricorda come un brigante, nel senso de quei tosat pieni di inventiva e de voia de divertirse nele maniere pì incredibili anca a costo de far qualche malan.

A proposito, tant par intenderse, al vea inventà un sistema con un baratol e 'na candea par ciavar i saladi attraverso le finestre: co la candea picada su un baston al brusea al spago dei saladi che dopo i caschea sul baratol e po via de corsa!

'N antra olta no so par che motivo al se a fat corer drio adiritura dai carabinieri, par scamparghe li ha atiradi sui palù dela Levada dove che lu al conosea ben i posti dove che l'era le pasade sicure e dove che invece l'era paltan mojo, ghe a bastà poco par far infangar fin tuta la gamba un per de carabinieri e po via in medo ai camp!

Al di de incò no te trova pì tosat cussì pieni de inventiva...

TORNA SU

    

MAESTRA CATINA

person9A conti fati tuti quei che i a dai 60 ani in su i e stati so aluni.

Sta maestra la ghe a insegnà ha leder e scriver a mi non so quante generazion de persone, la deve esser stata maestra par 50 ani boni.

TORNA SU

 

 

 

 

AMELIA STIVAL

person10Sen in piena Levada, tera dei Da Ros, dei Salvador e dei Stival apunto. Sta brava femena l’e morta ormai da tantissimi ani e ormai nesun se ricorda pì al ben che l’a fat anca parchè no l’era tipo da ‘ndar in giro a vantarse.

Na volta la cesa de Levada l’era fata sol del corpo centrale e la parte che ades la vien dita “dei omeni” in realtà l’era l’asilo. Amelia fin dall’inizio l’era na femena molto devota (l’era fin terziaria francescana) e la fea da sacrestana ala ceseta, quando che i ha dontà l’asilo l’e stata ea a ciaparse cura de tuti i tosatei dela borgata e a mandar vanti tute le question dell’asilo dela Levada.

Finì sta impresa l’e ndata a far la perpetua a Vazola e anca là la se a fat voler ben come a ‘na santa, ancora indes i se ricorda che se l’era qualche fameja bisognosa ea de scondion la ghe pasea qualche ovo o un poca de farina ciota su co la questua che i preti i usea far a quei tempi. I conta che in paese i ghe basea fin le man…pa un ovo e ‘na sbrancada de farina!!!!

Penseve la fan e ‘l bisogno che ghe n’era!

TORNA SU

  

MAESTRA PAESSA

Prima 'ncora che i fesse su l'Asilo, don Possamai al vea pensà de ingrumar i tosatei in te la ceseta de S. Urban par poder tenderghe mejo, cussì i genitori i podea 'ndar sui camp in pace.

A tenderghe ai bocete (sen in tei ani vinti) ghe pensea la MAESTRA PAPESSA, 'na veceta promossa sul fato a far da maestra (o mejo, da guardiana); i pochi restadi de alora i se la ricorda tuta vestida de nero co anca al fazolet (nero anca quel) su la testa come che se usea, la stea in te una dele prime case de borgo Pasini e al so vero nome era Regina Papes.

Sto Asilo lo gestia un pò ala so maniera, par prima roba canti de cesa e litanie in latin fin a stornirse, ala ricreazion la portea fora i boce in tel zimitero de S.Urban e la ghe fea cavar l'erba ale tombe o dogar su e do par al vialet del zimitero stesso. A metà matina la portea tuti a bever dala pompa de Gava là vizin, altro che biceri! La se portea drio 'na vecia gamela onta del temp de guera e co 'na sguatarada avanti a bever!

Resta ancora famosi i so castighi: quande che un tosatel al fea combater, la maestra Papessa lo fea indenociar in medo ala ceseta co le man giunte sora la testa, alcuni conta anca che la vesse 'na fiasca de vin sconta drio l'altare de S.Urban e che par farse corajo la 'ndea in sacrestia a farse un cuchet....

MaestraPapessa2

Ve mete qua sote anca al disegno de me fiol che lo à fat conforme a come che al se la imaginea.

MaestraPapessa

TORNA SU

 

L'AVIATORE FADEL

f1Co pochi mezi e conoscenze de meccanica 'sta persona l'ha costruì e fat volar un aereo vero nel setembre del 1942, durante le lavorazion dell'aereo un grun de curiosi vegnea a veder come che procedea al mistier: 'na impresa che ha fat storia!

f2

TORNA SU

 

PIERO CAMPANER

person11Senza cavarghe gnet ai sacrestani vegnesti prima e dopo de lu, par noantri resterà sempre un mito.

Sempre presente, istà o inverno, che fusse la mesa dele 8 o dele 10 non 'l manchea mai. Al metea in riga i chiricheti (ades sen moderni se dis “ministranti” che fa anca pì persona studiada) come rider e rispondea messa sempre ad alta voce come che se fea na olta. Ma ‘l mejo de lu lo dea AL PRIMO VENER DEL MESE. Na olta al primo vener se ndea tuti a confessarse (tant par dir, ades no va pì nessun), Piero al ne spetta tuti fora de cesa par no lasarne scampar casa prima de ver fat ale ale 4 la mesa del sacro Cuor. Alora te vedea tosat che scampea da par da drio, tosat che se inventea bale (funzionea ben quea del dentista, manco ben quea dele lezion da far), ben o mal comunque al riuscia a trategner ‘na ventina de boce par la mesa.

Col ciolea su le oferte (sempre da sol) ghe volea vinti minuti boni, quatro ciacole le scambiea un po’ co tuti a mesa. Ala fine le stat tradì da quei polmon che i ghe a sempre fat combater fin da quande che ‘l avea ciapà la malaria in Grecia durante la guera. 

TORNA SU

  

mons. GIROLAMO VILLANOVA

person12A dir al vero nol saria un de Pianzan, ma co tuti i ani pasadi tra de noialtri se pol dir tranquilamente che l’ha acquisì la citadinanza onoraria, come che se dise! Non son mia massa sicuro che ‘l fusse proprio Monsignor, a fine cariera forse, ma prima i lo ciamea tuti cusì par darghe un titolo diverso da “prete”. Na ‘olta co l’era tanti preti i lo vea mandà par darghe ‘na man a don Benvenuto par dir qualche messa in pì, e par confesar (‘na ‘olta se ‘ndea tant de pì a confesarse rispeto a indes…). Co confesea lu l’era la fila che rivea fin dal vecio bar de Brunetta, no tant parchè ‘l disese chissachè, ma ‘l te tegnea do minuti: ‘l te disea do parole e via sote ‘n altro! Figurarse co se era boce se se vea la pazienza de star in tel confessional a scoltarse le prediche…al 90% se ‘ndea da lu, 10% da don Benvenuto e mai nessun che ‘ndea dal prete vecio (e sordo) de S. Fior che se ‘l te tegnea 20 minuti la te era andata ben. Tant curt co le confession tant longo co le prediche. La messa co lu la durea un’ora come rider, al fea sempre 20 minuti boni de predica: ‘na volta ala messa delle 8 don Sisto l’e fin adnat a farghe segno che ‘l ghela molesse e dopo al ghe ha fin stuà al microfono!!! Comunque tuti i ghe volea ben e lu ‘l avea sempre un’aria cussì contenta, cussì beata che penso che nol se saria incazzà gnanca se te ghe petea fogo ala machina (la so mitica fiat 850 blu scuro tipo quea dea foto).

person13

Par ani ‘l e ‘ndat a dir messa a Levada e ‘l so sogno l’era che la cesa la fosse restaurada (la ciamea la “me cattedrale") purtroppo l’ha podest far una sola messa co la cesa justada in tel 2000 e già l’era cussì malà che l’era intriga a darghe fora. A noialtri ne resta al so soriso e al ricordo del le so confesion svelte e fate ben.

TORNA SU

 

ADELINA STIVAL

De l’Adelina se podaria parlar par diese pagine, se polo dir che l’e la femena pì famosa de Pianzan? Beh, forse sì! Chi elo che pol dir de no ver mai fat catechismo o ‘l grest co ‘l’ Adelina? Ecco apunto. La se ha dedicà a mila e mila impegni: da dovena la fea AC e tut quel che riguarda la cesa, sempre eletta fin dall’inizio in consiglio pastorale, l’era davero da partut. In te 'sti ultimi ani l’ha fondà al grest che ancora incò al va vanti benon, par ani e ani la ghe ha insegnà ale tose come che se cuse e se ricama…bei ani…ades le tose noe vol gnanca saverghen de cuser! Dopo la se ha dedicà anima e corpo ala Caritas, anzi, l’ha inventada ea e non par ultimo la fa la direttora del coro dela Levada in perene battaglia co don Albino: sempre insieme e sempre in baruffa, in fondo i se vol ben e proprio in omagio a sta amicizia turbolenta ven pensà ben de farge sta foto insieme, ve pareo che? 

person15

TORNA SU

           

mons. ALBINO DAL CIN

person14Ecco nantra persona che l’ha avù ‘na vita aventurosa, da doven al se a trovà in medo ala guera e ghe ha tocà partir par la Rusia e ancora incò al ringrazia al Signor par eser riuscì a ciapar l’ultimo treno bon par tornar casa…finida sta guera e tute le division e i rancori tra fazion partigiane e fasiste l’ha pensà de farse prete, de 'ndar distante e l’e capità a far al prete a Rieti su ‘na parochia che ghe manchea tut. Là al se a dat da far cusì tant che no manca ano che i so parochiani veci i vegne su a trovarlo. Co l'e mort i ghe a intitolà un novo salon parochiale e 'na targa a so memoria e ancora incò l'e venerà come un santo.

Qua da noialtri le tornà dopo 50 ani par ‘ndar in pension e col caratere schietto e sincero (lu nol ghela manda a dir a nesun) l’ha contrarià pì de qualchedun, ma lu le fat cusì o te lo ama o te lo odia, non l’e un on da mede misure.

Le memorabili le so prediche sull’inferno, sui pecati, sula danazion che le sgorla fora la dent, ma provè ndarve confesar da lu!

Al di de  incò se te va a confesarte i preti i te dis che questo no l’e pì pecà, che quel’altro non le pì pecà…che anca se no teghe dis pecati ninporta…tut cusì. Don Albino al te mete in riga: se non te te ricorda al te fa lu le domande e ‘l vol saver cosa e quante volte, ‘na bea confesion ciusa come se usea ‘na volta.

Sempre parchè l’ha un caratere schietto no ve dighe le mila discusion coe suore, co l’Adelina, col sacrestan….comunque la va sempre a finir che par meter dacordo tuti al se mete le man in scarsea e ‘l offre ‘na caramea.

Co l'andar dei ani la salute l'e andata a farse benedir anche se al se concedea sempre al luso de un gelatin o de 'na bea magnada de crostoi freschi cioti da quei che li preparea par la festa de Baver.

Co lu l'e mort 'na parte del spirito vero del paese, ma dal so insegnamento e dal so pasion l'e nasest in tuti noantri la stesa pasion pai ricordi e le storie de na olta, bona part de le storie qua drento al ne le a trasmese lù.

Ve conte l'ultima.

Temp indrio pasee ciorlo co la me Fiat uno de matina bonora par andar do a Levada a dir mesa, 'na volta al insistea che 'l sentia voci, forse l'era la radio; no, no era ne radio e ne gnet altro, dopo un pò me sono inquietà parchè al disea che podea esser anime del purgatorio, alora ghe ho chiest cossa che disea ste anime, e lu: "le dis: " è è è è è è !" Dopo un pò ho capì, l'era la frizion dela me macchina malandata che la cigolea..... che rideste che se ve fat insieme!

TORNA SU

  

al sarto ZENO BUTTAZZI

person16   

In tela galeria dei artisti de Pianzan no podea mancar sto artigian de na olta, famoso fin a Conejan, penseve che i vegnea fin da lontan par farse far un vestì da lu, specie vestì da sposo. I lo sopranominea “al sarto” e questo l’e stat al so mestier fin a no tanti ani fa.

  

    

TORNA SU

  

suor SERGIA

sergia

Sto personaggio l'e davvero speciale par tanti motivi, al primo l'e che no l'e mai stata a Pianzan...da viva e dopo parchè l'a avù 'na vita davvero straordinaria tant che l'e in corso al proceso de beatificazion ormai da tanti ani.

Partin dala fine, al momento dea mort no l'avea tanti parenti prosimi cussì i pì vizini i era da Pianzan e par questo ades la riposa in tel nostro cimitero dove che non manca mai dent da fora che vien a pregar e chieder grazie.

La so vita le sempre stata all'insegna dela soferenza e dell'amor par al prosimo, 'na fede grandissima che ha fat sì che 'l demonio al ghe fesse un grun de dispeti, in tei so diari e par voce del so confessor saven anca dele so vision mistiche e dei grandiosi fati miracolosi che ghe ha suces in te la so vita.

TORNA SU

  

VICO PRADELA

person17

Vico l’e nantro monumento de Pianzan, dopo ‘na vita dedicada al lavoro l’e ndat in pension e qua le vegnest fora la so arte e le so pasion. Prima fra tute la poesia: de libri al ghe n’ha pubblicà un fas, l’e specializzà in sonetti e roba del genere in cui al te conta la vita de paese o le novità del mondo, tra le so pì famose ricordaria: “L’Italica pizzeria”, “Isanna cartolaia di professione” e “Mamma Adelina”, ma ghe n’è tante altre che ades non me vien in mente. Ma non l’e finida qua: a lu ghe piase da mati sonar al violin, se te ghe parla de violin lu lo tira fora (al violin) e se mete a sonar par ore, penseve che incora a 90 ani al 'ndea in giro a far sonade coi amighi dae suore, in tele case de riposo e a feste varie: da no crederghe, l'era in turnè continua…memorabili le sonade fate in te la Levada durante mesa de Epifania.

A seguito de 'na sbrinzada l'e mort se no al sarie ancora qua coi so modi forbidi, col so saluto "Pace e bene".

 

TORNA SU

  

al MORO CASAGRANDE

person18A questo ghe faria un monumento ala pianzanesità sui Pramui, ma no so se trove i finanziamenti. Par tuti noantri l’ha rappresentà l’idea dela vita in campagna de ‘na olta e alze la man chi che in fondo al so cuor (de pianzanese doc) nol varia volest someiarghe un fiantin de pì! Al vivea coa so fameja a contatto co la natura: al dì de inco tuti i tende a farse la bea caseta neta (par modo de dir! Mejo saria dir “piena de detersivi e velen”) in cui i sera fora la natura e le bestie, ma ‘na olta no l’era cussì i contadini i vivea a stretto contato co la terra che la dea da viver. Par al Moro l’era ancora cussì, la so casa e al so curtivo l’era sempre vert par tutte le bestie, can, gat, pite, quel che volè. E se a tanti sto modo de far ghe fea impresion, mejo che i se ricorde come che vivea i nostri veci: le bestie e la natura no l’e porcherie da tegner lontan pì che se pol, basta ricordarse la frase del consorzio: I POPOLI CHE ABBANDONANO LA TERRA SONO DESTINATI ALLA DECADENZA! Ecco, al Moro no l’ha mai abbandonà la tera, al so lavoro e le so bestie, fin all’ultimo le restà sul so trator a lavorar, no ghe n’era disnar, merenda, no ghe n’era feste, gnent che podese distrarlo dal so trator, sempre disponibile e gentile co chi che vea bisogno de ‘na man, bastea ciamarlo e non ‘l te disea de no.

Sarà forse vero che ‘l so modo de viver l’era fora dei tempi, ma ‘l ne ha lasà a tuti noi un gran insegnamento.

TORNA SU

  

TONI PIVA

person19Ormai l’e mort da tanti ani, ma anca i pì doveni i se lo ricorda: sempre elegante cola giaca e ‘l capel in testa te lo vedea andar su e do par Pianzan in zerca de qualchedun da far quattro ciacole, quasi tuti i dì al fea ‘na visita ale scuole medie par farse qualche ridesta coi fioi…qualche dun disea che l’era mat, no l’era proprio mat, l’era fat ala so maniera, ghe piasea ciacolar, rider e scherzar coa dent. Durante la so gioventù la sempre trovà femene par quealtri e ala fine proprio lù le restà vecio tosat, però co qualche rimpianto, infati al menzonea sempre do tose: la Ines e la Teresina el disea sempre: ”ah....se tornese indrio!”. Da vecio al ghe disea ale femene: ”Ehilà vegnèa al’Apollo co mi stasera!?”.

Oltre a esser famoso par al show che ‘l fea ale scuole de Pianzan, chi che no ricorda la so canzon preferida? SCARABEI, SCARABEI, SCARABEI!!!!!! COI SCIOS!

TORNA SU

  

don BENVENUTO

person20Par 35 ani l’e stat prete de Pianzan e disen che l’ha segnà i usi del paese come pochi altri in tel dopo guera. Co l’e rivà qua al vegnea da Fiaschetti a sostituir don Paride che l’era tant ben volest in paese parchè l’era ‘na persona tutosomato bona e umile. Don Benvenuto invece l’avea pì caratere e nol ghela mandea a dir se l’era necesario, par sto motivo in tei pimi tempi la dent brontelea ‘na scianta, va però dita che in quel momento l’era bisogno de polso par risanar un poc i debiti che se strasinea dela cesa nova, che tra l’altro no l’era ‘ncora rifinida. Vendendo quel che’l podea e a furia de oferte l’e riuscì a sistemar la situazion. Penseve che l’a fat tanti viai in Argentina a trovar i Pianzanesi migradi: imagineve che festa che i ghe fea! Par al resto in tei ani 60-70 al se a dat da far par modernizar la parochia e tenerla al passo coi tempi, sempre però restando un prete ala vecia maniera, che te metea sudizion (bisognea ciamarlo sior paroco) e se l’era da sgridar o da tirar qualche scapelot ai chiricheti no ghe n’era problemi. Par chi che selo ricorda, a lu ghe piasea sempre che le robe le fuse fate puntuali e co ordine specie a mesa che la scuminziea e finia sempre ala solita ora: al finia la so predica sempre co ‘na frase tipo “cari fedeli…” e dopo al se sentea do; cascasse al mondo ale 11.05.00 al se levea su no prima de ver controlà sul so relojo de eser in orario!

I ultimi ani de la so vita lì a pasadi in casa de cura dove oltre che a esser ospite al dea ‘na man par le messe

TORNA SU

  

don SISTO

person21Dopo un prete vecia maniera come don Benvenuto ghe n’e rivà un moderno che fin dal primo dì al se a mes a rivoluzionar la parochia, a modernizar, a coinvolder la dent anca la pì fastidiosa. Da subito vensi capì de che pasta che l’era fat, par prima roba ancora prima de rivar l’a fat girar le careghe del presbiterio par no parlar del resto. Se se dovese riasumer in do parole la so opera disen che l’e riuscì in manco de diese ani a cambiar tute le robe, ma sopratuto i cuori, i animi dele persone, l’ha sempre cercà de far capir ala dent che bisogna ver al corajo de meterse in zogo par i altri e par la comunità: no se conta i centenari de persone che l’e riusì ad atirar intorno ala comunità e qua se podaria contar diesemila esempi e anedoti, la canonica era sempre verta par far riunion, grupi, par meterse dacordo come far e come brigar, dal grest, all’AC, alla festa de san Lorenz, ai tornei de balon, ale gite e ai pelegrinagi…. In tei ultimi ani, prima de bandonarne improvvisamente al se a dedicà co tuta la so forza par meter in piè l’Unità Pastorale dei tre paesi che ancora la stenta a decolar parchè i campanilismi ie masa radicadi e te fa fadiga a ndar dacordo su tute le question.  Par la statistica lu l’e stat l’ultimo vero prete de Pianzan, dopo l’e stat nominà solche preti in solido coi tre paesi, col risultato che quel che le de tuti no l’e de nesun: la sacrestia l’e sempre scura e serada, par trovar un prete te deve rebaltar almanco tre paesi e pregar Dio de trovarli; purtropo no l’e gnet da far bisogna abituarse al fato che vocazion no ghe n’e pì tante come ‘na olta. Don Sisto al ne a lasà un gran insegnamento ma anca un gran vuoto che no l’e pì stat colmà, però secondo mì ades l’e qua drio de mi chel lede quel che son drio scriver e son sicuro che l’e drio far una dele so risate potenti disendo “dai-dai deve da far, cossa saralo mai!!!”

TORNA SU

  

ADORINO BRUNETTA

person22

Adorino al ciapa al so nome da do so sorele morte sote un caro davanti casa, fin da doven al se a dedicà al pitura (Marsiglia, Parigi…) fin che nel '72 l’e tornà in Italia e al se a dedicà al teatro, par al resto l’ha sempre fat fadiga a tegner un lavoro fis, no fusse altro parchè no ghè despiasea al vin. Tanti qua a Pianzan ha i so quadri seza saver al valor che i ha. Saria da contar centomila storie sula so vita, proven co qualcheduna: vinti ani fa al comun decide de tajar do le cassie de via S. Urban e a tanti sto fato no ghe ndea a genperson23io, Adorino quea volta (par protesta) la tacà su tute le cassie un foglio de quaderno bianco grafetà…noantri boce invece piantensi ciodi da dodese dentro i tronchi par rovinarghe al fil delle seghe a quei del comun, imagineve le besteme!

Nantra volta ghe vea vegnest la pasion par la fotografia: al se ha fata far un servizio fotografico nudo in tel ort.

A volte no se savea dove che l’era ndat a finir so pare e lu disea “L’ho serà in cantina cussì al se ‘bitua a star a sote tera al scuro e al umido.”

Temp dopo l’ha pensà de picar in giro un poche de pigrafe finte co la so foto…

Resta comunque un dei pì grandi artisti del paese e anca se l’e mort da tanti ani ancora non ven capì che grando pitor che l’era.

TORNA SU

  

ARTURO MARCHESIN

person24Me son sempre domandà chi che l’era sto on che sula tomba i ghe a mes dei fringuei de bronzo e i ghe a scrit ‘na frase del tipo “Era una notte fosca, uno stormo di uccelli lo prese e lo portò in un mondo meraviglioso” par che fuse ‘na persona tant apasionada de osei, li slevea, li curea e ‘l savea imitar alla perfezion tute le specie de osei che vive dale nostre parti, sembra che na olta a Pianzan ghe fusse na gran scuola de imitatori de osei, probabilmente Arturo l’e stat un dei ultimi grandi artisti in te sta roba.

 

 

 

TORNA SU

  

 

GIAMPAOLO ZANETTE

person25Par tanti ani l’ha fat al professor de Tecnica ale scuole medie de Pianzan, spes in copia co Sorrentino che anca de quel se podaria scriverghe su un libro, beh, all’epoca al te metea sudizion parchè l’era professor e l’avea la giusta fama de no farse ciapar in giro da nessun, al savea farse rispetar! Al se a sempre impegnà in parochia fin da doven, ma co l’e ndat in pension al posto de goderse la vita come che fa tuti l’a pensà de darse anima e corpo ai altri, ala parochia e a chi che vea bisogno insoma. In prima persona l’ha ciapà in man al grest e praticamente al lavorea  tut l’ano parchè tute le robe le fusse a posto, i risultadi no i e zerto mancadi: generazion intere de fioi i a podest aprezar la so pasion, la so dedizion par la parochia e par al grest…tuti i lo ciamea co afeto GIPPI’, ma guai a farse sentir! Al se la ciapea!

In fondo in fondo però al savea che i fioi i lo fea co afeto e no par cior in giro… Purtopo un bruto mal al ne lo a portà via in poc temp, ma la so eredità la e ancora viva nel ricordo de tuti i pianzanesi e in quela istituzion che le ‘l grest mandà avanti da so moglie e dai chei fioi che na volta i era sote de lu.

TORNA SU

  

SERGIO DA ROS

Sergio Da Ros

Ala colezion dei musicisti de paese no poden lasar fora un dei pì importanti, al ne contea che l’a scuminzia a sonar in cesa che l’avea 10/12 ani, i lo sentea sull’armonio nero che ancora indes le la in cesa e via a pedalar e sonar a tute le mese…avanti cussì par 50 ani e ancora indes co le bisogno lu le sempre pronto a sonar e a dar na man. L’ha fat sia da organista che da diretor de coro quando ancora al coro l’era pien de tosete che suor Andreina prima e suor Annatiberia dopo le riusia a racatar par al paese. Ma lo ricorden anca parche l’avea l’unica oreficeria del paese, l’era un vanto par Pianzan aver ‘na oreficeria, volea dir che rensi siori.

Dopo tanti e tanti ani l'ha realizzà al sogno de don Dino Zanetti de ver in cesa un bel organo co le cane, anzi al ghe n'ha commisionà do, un grando e un picolet ('ndeve a leder la descrizion che va la pena), sti organi i e in memoria del so unico fiol mort var ani fa.

TORNA SU

  

SEVERINA ZAGO

person26

Al confin de Pianzan a pochi metri da Codognè vivea na femena che difendea i sacri confin de Pianzan: sen drio parlar della Severina, indiscuso simbolo dele Campanele, da temp imemorabile sacrestana dela ceseta de San Giovani che la neta e la strusa come e mejo che se fuse casa soa. Se te prova a ‘ndarla a trovar casa no te a trova, o la e sui camp a controlar la proprietà o dai so amadi cunici che penso sia i pi bei dela Levada (però no i o mai sajadi). Sempre ospitale co tuti no la te nega mai qualcosa da bever o da magnar e quatro ciacole sui bei tempi andadi, la so vera specialità però lè le scioche fate col sal o col zucchero a seconda dei gusti. Ormai gli 80 ani i li avea pasadi, ma ve sicure che la forza no la ghe mancae.

Co san Giovani Batista la parlea spes in te la preghiera, co ghe n'era bisogno de 'na grazia, de 'na piova, ecc... e se no la funzionea co le bone la ghe disea "Varda san Giovani che se no te me contenta no vegne pì a trovarte!"

A messa la savea a memoria tute le parti del prete e ghe vegnea da dirle su...a un zerto punto don Vittorino, che l'era da un toc che 'l sentia sborbotar sote, al se ferma e alora la Severina sentendose scovada la salta fora col so famoso moto: "Ahhh Jerusalem!"

TORNA SU

  

I TRE TENORI

person27 ten3 ten2

Nani Buttazzi                     Toni Antoniazzi                  Tojo Dal Cin

  

L’e poc da rider, se par tut al mondo i “tre tenori” i e Carreras, Pavarotti e Domingo, qua a Pianzan avensi Tojo Dal Cin, Nani Buttazzi e Toni Antoniazzi. A dir al vero no i era tenori, ma bassi, ma qua da noantri certe sotiglieze no se ghe fa caso. Ogni domenega te li vedea sempre al solito posto sui banc davanti ala mesa ultima, bastea lori tre a far al coro, steso discorso pai funerai…l’era un spettacolo sentirli cantar, coi ani un ala volta i ne a lasa, prima ghe a tocada a Dal Cin, dopo l’e stat la volta de Buttazzi che fin all’ultimo al se a fat portar a mesa par tegner duro e co l’ e mort l’ e fin vegnest al coro de Francenigo a cantarghe mesa in latin come ghe sarie piasest a lu, de Toni te podea ancora vederlo a mesa al solito posto fin a pochi ani fa, ala solita ora e cola stesa pasion.

No sten desmentegarse che Toni l’e stat anca al musichiere in television parche al savea imitar mi no so quanti osei! E dopo verlo sentì Nunzio Filogamo al ghe a dita: "Non ho mai sentito un uccello bravo come lei"

TORNA SU

  

maestro GOBBO

Al musicista par ecelenza de Pianzan, ormai al ‘ndarà pai novanta pì che pai otanta, fin da doven al se a dedicà ala musica e quando che Pianzan l’era un paese importante l’e stat anca diretor e fondator de la famosa e celeberrima banda de Pianzan de cui l’era da ‘ndar orgogliosi. L’e stat anca diretor del coro penso e comunque al ghe a insegnà a sonar al piano a ‘na caterva de dent. Anca in te sti ani de vechiaia no l’ha certo pers la so pasion visto che ‘l sona spes l’organo in cesa co ghe capita o ‘l se fa qualche sonadina in compagnia de Vico.

TORNA SU

  

SANTINA FEDAT

person28L’e una de quele persone che solche co le more te sa quant che le ha fat par che altri: no la ghe a mai domandà gnent a nesun, no l’ha mai dita “Mi fae, mi brighe…” in silenzio ceta-ceta l’ha lavorà par la parochia par tanti ani nonostante no la stese proprio ben de salute. Un so nevoso l’ha scrit un capitol de un libro su de ea (“Il paese dei gelsi” di F. Mazzariol) e di fati da qua ciapen qualche bea notizieta. L’e nasesta qua in tel 1906 e improvvisamente a 4 ani l’e stata colpida da rachitismo tant che no la podea pì moverse. La fameja l’era desperada cussì l’a ciamà mons. Possamai par darghe ‘na benedizion speciale (me ere desmentegà de dirve che mons. Possamai l’avea gran fama de poteri speciali par le malatie…) e a furia de preghiere e afeto a forza de dai sta toseta l’e vegnesta un finatin in qua, l’a butà via le crozole e l’a scuminzià a caminar co le so gambe nonostante al corpo sia restà un tantin lesionà. Fin da toseta la se a dimostrà intelligente e tant devota, la deve anca aver scrit un libret de catechismo par ea e i so coetanei: l’avaria podest deventar chissacossa se la fusse vissuta al dì de inco! Ma era altri tempi, a 15 ani l’a scuminzia a lavorar prima in tela fabbrica de canete par sigari, dopo a sbozolar i cavalier dala villa Lucheschi e dopo ncora a pelar cunici. La fede l’a sempre confortada la lesea spes libri sui santi, sui martiri e roba del genere e a sera l’era un fenomeno a racontar storie de santi e demoni o fati dela vita de ‘na olta. Par 45 ani fin al 1980 ogni sabo o vigilia de feste comandade la preparea i fiori par tuti i altari dela cesa, se conta che l’altar magiore l’era un capolavoro dopo che la ghe vea mes man ea. Co la e ndada in “pension”, no par so volontà, ma parchè al fisico no ghe permetea pì de far zerti lavori, al prete e la dent i ghe a preparà ‘na gran festa in riconosimento de tut al so umile lavoro. La e morta 'na diesina de ani dopo sempre circondada dall’afeto dei so cari e di chi che se ricordea tut al so lavoro par la comunità.

TORNA SU

  

L'ARNOSTI E LA ANA FANTINEL

arnosti    ana

L'Arnosti                           Ana Fantinel

 

Co sto personagio zerchen de ricordar anca 'na serie de tradizion che 'na volta le parea incrolabili e che ades le e desmentegade da un toc.

Co l'era magio tuti i tosatei i ndea a rosario: se se trovea par borgate e proprio tuti i 'ndea, no l'era question, se ciapea la bicicleta e se partia, magari prima de scuminziar se doghea un fiantin a ciaparse o a sconderse, giust 5 minuti.

Nela borgata su ale 4 strade se se trovea dall'Arnosti in te una cusineta ricavada da drio ad un garage, ea la preparea tutte le panche par sentarse in torno e in te 'na finestra l'avea anca sistemà 'na statua della madona par crea un pò de clima giust.

Me ricorde che l'organizazion del rosari l'era riservà alla ANNA FANTINEL, anca ea morta da poc: la Ana l'era 'na femena piissima e religiosissima che da dovena l'avaria volest farse suora, ma la so salute sempre scarsa la ghelo vea impedì, mi no so quanti ricoveri, mi no quante operazion epura la tegnea bota instes.

I tosatei i se dividea le avemaria da dir e i misteri da leder, par no parlar dele litanie che par dirle su se se sbarufea fin! Co te entrea te trovea sempre la scatola dei rosari de plastica par chi che se vea desmentegà a casa al soo.

L'Arnosti l'era sempre de bon umor, sempre gentile e ospitale, l'avea anca 'na cura particolar par le bestie, in te sta stanza la tegnea anca 'na gabia de un canarin che l'ho sempre vist picà là, al varà avù 10 ani almanco, par no parlar dei pes.

Al centro dela stanza l'era na pompa par l'acqua e soto la pompa un cadinet co dentro un per de pes rosi (ma a forza de star drento i era bianchi come straze) epura sti pes i sarà vivesti almanco 15 ani a dir poc, e co l'acqua del cadin la se sbasea l'Arnosti la ghe dea un colpo de pompa e via, impenì al cadin!

Finì al rosari la Ana Fantinel la intonea le giaculatorie finali come 'na cantilena che parea quasi 'na formula magica (San Michele Arcangelo con la tua luce illuminaci, San Michele Arcangelo con le tue ali proteggici, San Michele Arcangelo con la tua spada difendici. Cuore Immacolato e Addolorato di Maria, intercedi o Mamma cara per noi tutte le grazie del Signore) e dopo via come le bisse, ma no prima de ver cantà in malo modo 'na canzon ala Madona. Se scampea via par andar a ciapar a sasade i notoi o a cior magilini pai pra.

Da un pochi de ani al rosari de magio no l'esiste praticamente pì i boce no i ghe va pì gnanca quei dea comunion, anzi proprio 'sto ano che ere ala messa dei boce dela comunion (quei che fa dopo 'na setimana), quando che i ghe a distribuì le coronete del rosari, ghe n'era tanti che i la vardea co curiosità. A un zerto punto un l'ha ciapà coraio e l'ha domandà cosa che se dovea far co sta colana...figureve...

Ormai se su altri tempi, anca se no l'e pasà tanti ani.

'Na volta l'Arnosti l'era andata a mesa da San Giovani in tele Campanele e la se era sentada vizin a me mujer (me mujer la vien da Venezia e sta vergognosa no la sa gnanca na parola de dialeto), al che l'Arnosti la varda e la rivarda (no le se conosea ancora) e po la ciapa coraio e la ghe domanda: "Ma ea, ea foresta ea?" Me mujer la va in bambola parchè no l'ha capì 'na silaba, chissà l'Arnosti, l'avrà pensà che la fuse 'na badante slava o roba del genere e no l'ha insistì.

A fine mesa me mujer la me conta l'episodio, de sta siora che la vardea e che la ghe domandea de 'na foresta: me ha tocà rider par 'na setimana....

TORNA SU

  

LINO LONGO

Nantro vanto de Pianzan l’era al distributor davanti la pizeria Italia, e l’ultimo dei benzinai e probabilmente al pì personaggio l’e stat proprio Lino Longo. A ognun che ndea a far benzina l’avea sempre pronta la batuta o la parola giusta, l’era davero un spaso far quatro ciacole co lu, i tosatei po li fea deventar mati co mino so quanti sest. Adest l’e ndat in pension e al distributor i lo a cava via, probabilmente indes al se dedica ala so pì granda pasion: la Ferrari. Penso che al fuse anca stat presidente de qualche Ferrari club o qualcosa del genere, no savarie dir, ma ve ricordeo i treni de gome parchegiadi davanti al distributor?      

LinoLongo4

 

LinoLongo1

            

LinoLongo3

TORNA SU

  

FILIPPIN

No se trata de un personagio del paese ma dale nostre parti l’ha fat la storia della nostra infanzia, se trata infati dell’ultimo venditor ambulante che fea al giro del paese.

Al se presentea qualche volta all’ano, dee volte pì spes a bordo del so furgon blu multi decapottabile, pien de sece e mastelon sula capota ligadi col spago, al so richiamo l’era inconfondibile:

SECE, MASTEI, TOLE DA LAVAR, SCALE!

BIANCHERIA, STENDIBIANCHERIA, TUTTO PER LA CUCINA!

PENTOLINI, PENTOLONI, VENDO TUTTO!

No ste pensar che l vesse al disco, no! La so prestazion l’era LIVE come che se dirie incò, l’era atreza co un microfono inscocetà sul davanti, col fil del megafono che l pasea fora par al finestrin fin sora sula capota.

Co se era boce se ghe corea drio co le biciclete par scoltar la so titritera, na volta un de noialtri , molandose dala bicicleta al se ha picà sulla scaletta del furgon, sul dadrio (quea che l’usea par sistemare le mastele sula capota) e se nol studia a molarse do al restea picà ala scaleta fin a San Vendeman.

Da qualche ano l’e andat in pension, tant’è vero che al vea parchegià al furgon drio la Pontebana co la scritta “vendesi”

TORNA SU

    

PIO DELA CLARICE

pioL’a pasà ‘na intera esistenza da rumit, vivendo de espedienti e de quel che capitea de bon, dentro ‘na rulot in medo ale campagne dela Levada, ma da vecio al comun l’a pensà ben de trovarghe ‘na sistemazion pì comoda.

L'ha pers al papà abastanza presto e de lavorar no ghe a mai piasest anche se l'era forte come un toro, ancora a Levada i se ricorda che l'era un dei pochi boni a spacar 'na sochera co 2 colpi soi.

No l'e mai stat un segreto che l'abie trattà spes mal so mare par farse dar i schei par divertirse e par sto motivo l'e sempre stat mal vist dala borgata.

Fin da picol ghe piasea far al brigante, co l'era al asilo del la Levada 'na volta al ghe ha scampà all'Amelia e l'e ndat in sacrestia a magnar fora tute le particole da consacrar.

Se dis che da doven co l’era soldà i ghe vesè ordinà ‘na volta de montar guardia e de no molar mai al sciop: ala so maniera ‘l ha eseguì i ordini, infati l’è scampà casa portandose drio al sciop. Figureve i carabinieri inderegadi come un vesper i e 'ndadi a catarlo casa e par scamparghe al se ha butà sul fosal sote acqua respirando co ‘na caneta.

Da 'sto famoso episodio i se a ispirà i scenegiatori del film Rambo.

 

L'ultimo mestieret lo a fat ala cesa de Levada, l'ha fat su la rete de confin e dopo poc a se a amalà e no l'e stat pi bon de guarir.

TORNA SU

    

AL PRIMO MAROCCHIN

Al di de incò no le pì strano veder in paese foresti, africani, americani, asiatici, ormai al mondo l’e vert e la dent la va a lavorar dove mejo che la trova senza tante restrizion, incò disen “extracomunitari” (o “stracomunitari” come che dis le vece), na volta se usea anca altri termini magari no tant rispetosi, fatto stà che ‘na volta no se vedea tanti foresti in paese, anzi, te fea specie anca veder un de Biban al bar...figureve un marochin!

Al marochin de cui parlen l’e de sicuro al pì vecio che se sie vist in paese: al pasea pae case ogni 2,3,4 mesi, magro, alt, moro e coi mostaci, soridente coe spale cariche de tapeti e ultimamente anche de scoe de plastica. In paese i dise che ghe piasea le ombre e infati zerte volte teo vedea andar via massa content e massa incerto sul caminar, col trovea un cancel vert o un canevaz tirà al saltea drento al curtivo par batarte sulle finestre, a farlo andar fora l’era un afar serio.

Subito se scuminziea a tirar fora le solite frasi de circostanza (chissà parchè in Talian, non se capise parchè un marochin al dovaria capir mejo al Talian che ‘l dialeto):

- Non mi serve niente grazie

- Sto uscendo ora

- Ho già preso ieri dal tuo amico

Ala fine no l’ha mai dat problemi e no l’ha mai fat storie co nessun.

L’ano scorso i lo ha trovà mort a ‘na fermata dele coriere: che vita grama, l’ha vivest nell’indiferenza della dent e l’e mort da sol nell’indiferenza dela dent.

TORNA SU

  

FINO

FinoCerte persone le entra nela storia del paese senza far o dir gnent de particolare, Fino l’era ‘na figura storica del paese, te lo vedea sempre sentà fora dei bar che ‘l vardea le machine pasar, bel gros, alegro e ros in viso, no ‘l era de tante parole e a vederlo sentà fora dal bar al me parea come Toro Seduto fora dala so capana.

L'era un dei pochi che 'l savea ordinar la "Cinarite" ossia Cynar col vin rosso.

Al stea vizin al cimitero de Pianzan e ‘l girea in paese coa so vespa rossa che un dì la ghe e stata fatale, a seguito de un scontro no l’e pì tornà in quà e l’e mort dopo un finatin.

Ancora incò me part de vederlo là vizin ala porta del bar.

  

  

TORNA SU

  

maestra Rosolen

1980 20x2520-30 ani fa l'era a Pianzan sta maestra ben volesta e rispetada da tuti, l'era un pò la capa par la so autorità e la volontà de darse da far, parchè oltre che far ben la maestra la se impegnea tant in paese par organizar gite, grest e robe varie, praticamente no la finia mai de lavora, l'era sempre all'opera.

Ma al vero motivo par cui la ricorden co tant afeto l'e le canzon dela guera e dei alpini che la ne insegnea a scola.

'Na volta se festegea solenemente la fine dea Grande Guera co la deposizion dela corona al monumento e 'l canto dele canzon...La leggenda del Piave, Ta Pum, Montegrappa, La tradotta...domandghe a chi che volè e vedarè che ognun se ricorda le parole praticamente a memoria.

Ogni ano fensi un figuron ala presenza dei reduci sempre comosi fin ale lagreme co se cantea, e la maestra Rosolen sempre davanti a diriger al coro.

TORNA SU

  

PIERINO

pierinoAnca lu al rientra tra la categoria dei personagi strambi che i e su ogni paese, al di de incò coe cure giuste anca chi che no l'e proprio giust al pol sperar in te 'na vita normale, ma 'na volta bastea poc, na picola disfunzion par esser considerà mat.

Col ciolea le so medesine l'era lucissimo e al te contea dela so gioventù fat de lavoro e emigrazion in Svizera come manoval, o dela so soreleta morta dovena: al se ha sempre despiasest de no ver mai ritrovà al corpo al momento dele riesumazion...

Al stea vizin ala cesa vecia parchè qua a Pianzan al vea ancora qualche parent, par campar al fea qualche lavoret a ore par al comun, al jutea in zimitero o a netar le strade.... sempre a bordo dela so vespa a girovagar a cacia de ombre (altra so granda pasion).

L'e memorabile quea volta che par brusar un nido de ruse al ghe a petà fogo par sbaglio al campet da balon de via Vitorio Veneto.

Co l'era da portarlo a far cure o analisi l'era un afar serio, 'na volta ghe ven corest drio co la macchina dei obietori e coi vigili par convinzerlo, ma lù, furbo pì de quant al fese capir al se ha scondest drento al boschet de cane che ancora te pol veder drio la pontebana par andar a Godega, no le stat pì afari a trovarlo, ne lu ne la vespa.

TORNA SU

  

MARIA DE MARTIN

person29No pol eserghe sempre storie che va finir ben: l’altro dì a 95 ani l’e morta Maria dopo ‘na vita de sofferenze (par colpa de altri e no soa). Penseve che co l’avea vinti ani pì o manco la se vea mes co un che dopo un toc la a lasada, al di de inco gnent de strano, ma ‘na volta farse lasar l’era ‘na onta: le ciacole de paese le corea come le bise, ghe volea gnent parchè se disese in giro che la tosa vea un difeto, che no la valea gnent o robe cussì…l’era sempre colpa dee femene e co te restea segnada dae ciacole te a voja trovar nantro on! In te sto caso Maria no l’avea nessuna colpa, l’e restada solche vitima del capricio de un tosat. De sta roba però la ghe ‘na fat ‘na malatia, chissà, la vergogna, l’imbaraz, la paura dele ciacole, de no trovar pì un on…al di de incò co un per de pastiglie e do visite dal pisicologo te podaria cavartela, ma a chei ani andar in depresion volea dir finir in manicomio e cussì l’e stat. I ultimi 70 ani dela so vita li a pasadi in manicomio, ospedali e case de cura, desmentegada un po’ da tuti visto che no l’avea tanti parent prosimi o amighi, ma ghe sen qua noantri a ricordar ea e la so triste storia.

TORNA SU

  

GINO ZANETTE

personaggio30La pasion par al teatro ghe la a fat vegner le sorele che da picol i lo strasinea a vedar le rappresentazion delle compagnie intineranti come quea del cav. Berlese che col carozon le girea i paesi: ogni volta al restea impressionà dai costumi e dalla recitazion.

Nel 1946 al se a fat ingaggiar dalla compagnia pianzanese "Acendere" come addetto agli effetti speciali, nell'opera "La pianella perduta nella neve" l'avea l'incarico de semenar da drio le quinte i coriandoli di carta bianca par sembrar che neveghese; da là in poi al se a impiegà nel teatro prima come attor e dopo fin ai giorni nostri come regista par dioverse compagnie no solche di Pianzan.

Intant al se a dedicà alla politica e alla parrocchia fin anca a deventar sindaco tra il 1960 e 1964.

Altro grando amor le la poesia al primo premio lo a vint in tel 1954 e in te sti ultimi ani l'ha riciapà in man la pena par scrivere poesie stupende anca in dialeto: ormai i premi vinti no li conta pì da tanti che i e.

Ve riporte de seguito un toc de 'na poesia che lu l'ha condiviso su facebook, l'e su Pianzan. Par mi l'e un capolavoro e no vede l'ora de lederla tuta intiera sul so prossimo libro.

Un brut paese lóngo e strét come un budèl
Che ‘l se destira come ‘n gat indormenzhà
Al muso in alt, che ‘l léca un póc la Pontebana
I pié slongàdi sui cavéi de Codogné
 La ferovïa che lo taja par travèss ...
Un campanil de quatro piére che nó’l sóna
Do preti in prést, che va su e dhó par al comùn
E che te i tróva par miràcol in sagrestia
‘Na césa granda che la par un scatolón
Che te fa pèrder anca un s-ciant de devozhión....
(Ah, Pianzhan Pianzhan come che te sé ridot!
te à sol le querce che te tien in pié....)

TORNA SU

  

RENATO ULIVATI

Renato al riva a Pianzan in tel ’76 dopo aver vivest a Godega par 25 ani, dove che l’era conosest come portier dela prima squadra de balon, sonador de batteria, e come pitor.

Renato7

FORMAZIONE DEI "RAGAZZI SOLI" circa 1970. A partire da sinistra: Nazareno Toffoli (chitarra), Alessandro Gava (tastiere), Agostino Tolot (chitarra), Piero Folegot (basso), Renato Ulivati alla batteria.

               

Renato3

Qualche anno dopo...Renato in versione portiere. 

                

Moroso dea Luisetta, da subito lo strasina in asilo a darghe ‘na man a le suore col teatro dei tosatei ai tempi de Suor Andreina, in tel setembre del ’77 al la sposa la Luisetta e al deventa a tuti i efeti un pianzanese.

Drio l’asilo al scuminzia a pareciar al teren par al dogo del tennis: al pitura de rosso par tera, al compra la rete, e’l fa su ‘na bea squadra de tosat che i se ricorda ancora ‘des tuti i tornei fati in giro ( Zimetta , San Casan, Sazil……). E i era anca boni a vinzer par far bea figura col campion Renzo Furlan !!!!

E po co la pallavolo! ‘naltra squadra de fioi che come allenator el vea ciamà parfin Pierluigi Lucchetta!!! Renato al fea l’ arbitro sentà su la carega alta che ghe vea fat so suocero.(par far cassa l’organizea raccolte de carta e fero vecio).

Chi elo che se ricorda el TRITTICO SPORT che i vea fat a Sazil ? ( pallavolo, calcetto, basket )…e chea volta se lo vea anca vinto! Renato, quando che ‘l ‘ndea via co quea squadra de tosat l’ era un de lori !!!! E all’epoca el vea ancora la 112 e quanti che ‘l ghen carghea su !!!!

Intanto nol smetea mai de sonar e la so batteria l’era sempre in giro da qualche parte dove che ghe n’era posto par meterla.( salon de Godega, taverne de tosat, soto el palco del teatro de Pianzan  ecc.. ecc.). L’à scominzià a far su anca un complessin co Fabio Pagotto e company….

Insieme a qualchedun altro l’à costituì la scuola de musica (una dele prime dea zona e una dele mejo)

E co Suor Tiberia ?   L’ era tut un cul e braga!  Sempre pronto a tut par l’ asilo!!!!!! …(anca a difender le suore dai ladri.)

Dall ’81 al deventa al san Nicolò de Pianzan (che el ‘ndarà avanti par diversi ani), e co i Asili in canto al sonea par tuti i tosatei dei asili del comun …

Renato4

                

Lo steso ano el cambia mistier . Da pitor che l’era el se mete a vender boton e mudande insieme a so femena. (Luisetta Mercerie)

In diocesi i ghe domanda se al pol esser disponibile par sistemar la casa Cima Cesta parchè l’è tuta da piturar….E vvvaiiii!   Al stea via lassù  anca la not da lu lu sol, e al dormia in direzion, le ciave de Cima Cesta le avea sempre in scarsela.

A ogni congressin de ACR l’ era sempre presente par sonar

Intanto anca Gino Zanette el se lo ciol par darghe ‘na man col teatro.

Sempre in giro a far piazeri co la so Volvo Polar rossa: a scortar le Lucciolate, a portar via el piovan col stea mal, a caricar l’ impianto voci e portargheo de quà e de là co era da sonar o da far qualche festa…..

Renato5

Renato durante una festa in oratorio, seconda metà degli anni '90.

            

Un dei primi a formar la Pro Loco.

Un primissimo a fondar la Protezione Civile e a far da tesorier.

……e intant el continuea a sonar la batteria co vari gruppi: The American Folk Song Group a Conejan, el King’s Born Band primo gruppo rock dell’Azion Catolica, e i mitici Puerto Galera.

Renato2

Primo piano intenso di Renato alla batteria negli American Folk Song Group nei primi anni '80

        

Ascolta un brano degli American Folk Song Group con Renato alla batteria: FOREVER YOUNG (B.Dylan) concerto "Il Mali ha sete" Conegliano 11/07/1986.

Renato6

Renato alla batteria negli anni '80

                      

Insoma ‘na persona speciale !! I so 3 fioi iè fieri de averlo avù come papà!!

Al ricordo pì bel che aven tuti de lù l’e al so sorriso stampà sempre sul so viso, parchè l era sempre content !!! La so generosità e disponibilità l’e stata ala base dea so vita: ciapen esempio da lù!!!

Renato1

TORNA SU

  

ANTONIO ZANETTE

Antonio co la so longa vita l'a attraversà un secolo intiero e specialmente in tei ultimi ani l'è stat la memoria storica del nostro del nostro paese.

Tuta la prima parte dela so vita l'e stata segnada dala guera, prima co l'invasion austriaca dele nostre tere in te la prima guera quando che so pare ghe a tocà andar al fronte e lu anca se doven l'a dovest darse da far par tirar avanti i lavori dei camp e sostegner la fameia. Ancora inco i so nevodi i ricorda i raconti che al fea spes del periodo dei ani de la fan quando che i Todeschi i se magnea fin i can e i gat par sfamarse o quando che i tosat de Pianzan i ghe corea drio ai cari dei Todeschi e co la britola i taiea i sac de patate  par portarghele via.

Adiritura 'na volta un Austriaco l'a requisì le cuerte de casa, ma drento le cuerte ghe n'era anca un tosatel, figureve quant che se a spasemà so mare!!!!

Par fortuna so pare l'è tornà a casa dala guera e in tel '30 Toni al se à aruolà in tel Corpo Granatieri di Sardegna a Roma, entrando anca in te la banda del corpo come sonador de Bombardino Tenore: l'apartenenza al Corpo l'e stat sempre un gran vanto par lu e nol vardea mai de mancar ai vari raduni fin quasi ai giorni nostri. In tel 1935 al se à sposà co Augusta Sanson.

La vita la ghe à regalà tanti bei ani e 'na granda e bela fameja che ancora lo ricorda co afeto e ghen tramada i ricordi, come par esempio la nevoda AnnaMaria che la ghe a dedicà anca poesie e un belisimo raconto che l'e stat anca premià a Roma.

Me lo ricorde sempre elegante a messa come se usea 'na volta e che ades no se fa pì no se sa parchè, quando che se parlea dele robe de 'na volta al me contea anca de quando che mons. Possamai al volea farse fare i szocoli solche da me bis-nono parchè al disea che l'era l'unico a savergheli far de misura.

La foto che mete qua sote de lu soto al morer de casa soa l'e davvero molto bea.

pers.az

TORNA SU

  

NANI MARIS

Sen in tei ani '60 e a quel epoca tanti a Pianzan i conosea Nani Maris.

Al stea dentro par la strada a fianco dela lateria par andar par San Fior, l'era Pianzanese de origine, ma l'era stat fora all'estero par tanti ani co la fameja dove che purtroppo al se vea 'malà de meningite (all'epoca no se se vacinea...gnanca ades par dir al vero no ven pì tanta voja de farlo) e par colpa de sta malatia l'era restà un pò efeso sul zervel, l'era un on un fià strambo, ma che nol varia fat mal a 'na mosca.

Apena tornà in Itlaia al se pichea coi fii de fero ai pai de la luce el disea che l'era drio colegarse col telegrafo par parlar coi Mericani e coi Russi.

Ma la so vera pasion l'era quea de far la scola ai sas: al ciapea 'na croda bea grossa e 'l dise che l'era la maestra e tut intorno al metea in fila un grun de sas e 'l disea che l'era i putei de scola drio far lezion. I tosatei de alora i era tremendi e i ghe fea un grun de dispeti, tipo butarghe par aria tuti i sas e scondergheli drento par le ziese, ma lu co pazienza, ogni matina, li rimetea al so posto: maestra e putei atorno.

Un dì i fio del paese (pì cativi del solito) i ghe ha butà tutti i sas drento un pos de casa soa....immaginarse la desperazion....

TORNA SU