Par rivar ae Campanee bisogna ‘ndar in tea part pi bassa e pi distante dal centro de Pianzan; qua, pena prima del confin co Codogné, ghe n’é a ceseta intitolada apunto a San Ioani Batista. Sta zona no l’é na borgata vera e propria, ma l’é fata de tante case semenade bastanza a gaivo da na parte e da chealtra dea strada; sto posto alora, par via che l’é tacà come zona e squasi compagna come mentaità dea dent, al pol esser considerà come part dea Levada. La ceseta de San Ioani la é stata fata far su daa fameia dei Pizzinato in tea tera de so proprietà; pararie che comunque ghe ‘n fusse proprio bisogno, visto che quea l’era na zona bastanza selvarega e fora via e che aa dent de quee parti prima ghe tochea far chiometri prima de rivar in te na cesa o in te un posto consacrà.

Ma parlen un s-ciant anca dea vita del santo:

San Ioani l’era fiol de Zaccaria e de Elisabetta e l’à vivest in tei stessi ani de Iesù Cristo; tant par farse na idea, a so nassita la é stata anunciada da l’Arcangeo Gabriele, al stesso che l’é’ndat a dirghe aa Madona che a sarie deventada a mare del Signor. A na zerta età San Ioani l’é ‘ndat a viver in tel deserto par pregar e far penitenza come che a religion ebrea la insegnea de far par zerte persone; par sopraviver al podea magnar solche quel che ‘l trovea in natura, che in pratica in te quel posto là l’era miel selvarego e cavaete. Da meterse su inveze l’avea un vestì fat de pel de camel ligà su co na zintura de pel. Al predichea a paroa del signor aa dent, e parché e persone e podesse convertirse e aver al perdono de tuti i pecati i le batidea co l’aqua del fiume Giordano; a tuti quanti ‘l ghe disea sempre: “Mi ve batide co l’aqua, ma fra poc vegnarà un cussita tant pi forte che mi no podarò gnanca permerterme de desligarghe i sandai dei pié; sto qua al ve batidarà in tel Spirito Santo e in tel fogo.” E un bel dì anca Iesù Cristo l’é ‘ndat a farse batidar da lu, e cussita San Ioani al ghe à dita a tuti che quel là l’era quel che ‘l varie salvà ‘l mondo dai pecati; infati, dopo che ‘l Signor l’é stat batidà al cel al se à vert e l’é rivà do na voze che la à confermà e so paroe. Quande che ‘l predichea però san Ioani no ‘l ghe e mandea a dir a nessun e cussita Erode, che ‘l comandea in te tuta a region dea Galilea, i lo à fat meter in preson parché ‘l vea avù coraio de parlar mal de lu; un poc de temp dopo Erode ‘l ghe à fat taiar a testa solche par incontentar Salomè, la fia dea so cugnada e amante, che a ghe vea fat al piazer de balar par lu a na festa. Par capir l’importanza de sto santo, l’é da far presente che par dir del so martirio se dopera na paroa diferente da quea che se usa dir de soito, infati se parla sempre dea “decolazion de San Ioani Batista” e no dea so decapitazion; oltretut insieme aa Madona sto qua l’é l’unico santo che se ghe celebra anca a natività e no solche a mort.

Al 24 de giugno l’é a festa dea natività de San Ioani Batista, che ‘l vien onorà co na messa in tea ceseta dee Campanee; par l’ocasion a dent a riva da tuta a zona dee Campanee e dea Levada e anca dal resto del paese, cussita a ceseta a sta poc a impienirse e a qualchedun ghe toca anca restar fora. La festa comunque la é restada intata a come che l’era na volta, visto che apena che l’é finida a messa a dent a fa quatro ciacoe de fora e dopo tuti i torna a casa, un pochi se se trovea a casa dela Severina, sentadi de fora se se la contea magando le so famose scioche, 'na volta adiritura ghe n'era anca 'na piccola sagra de borgata.

sgb22

sgb23

sgb24

 Vari momenti del rinfresco dopo la messa, in tel cortivo de la Severina. In fondo le famose SCIOCHE.

                

A dir al vero al dì de incó l’é sempre bel veder che e persone e se cata ancora in cussì tante par pregar insieme, vol dir che e sente tant al bisogno de mantegner viva sta ricorenza e de afidarse al Signor e a San Ioani. Parlando dee tradizion dea festa bisogna dir che na volta ghe n’era tuta na strica de usanze a meda via tra ‘l religioso e ‘l pagano, che le era ligade al fato che ‘l 24 de giugno ‘l casca in tel periodo del solstizio de istà; ancora ades infati, anca se tuti sti riti e ste tradizion i é ‘ndati persi, se usa dir che quel de San Ioani l’é ‘l dì pi longo de l’ano. Quel che l’é restà na s-cianta ancora ades inveze l’é a tradizion de veder sta festa come ocasion par propiziar boni racolti e par invocar de esser sparagnadi dal sec e daa tempesta; in ogni caso comunque ani indrio i era tant pi atenti a sta roba e i ghe tegnea tant de pi, visto che ‘l lavoro in tei camp l’era l’unica atività che a ghe permetea aa dent de tirar vanti. Ancora ades qualchedun se ricorda dei tempi che in istà i fea le procession a pié daa cesa vecia de Pianzan fin a quea dee Campanee (i era chiometri e chiometri da far) par invocar la piova; al bel l’era che ogni volta se no i se pensea de ciorse su l’ombrea co l’era ora de tornar indrio i se ciapea dee gran lavade. Penseve voialtri alora quant che a pol far e che forza che a pol aver a preghiera de na comunità intiera; al dì de incó comunque no se usa pi far de ste robe, visto che ‘l gros dea dent ades al ciapa a so paga ‘ndando a lavorar in fabrica o in uficio o a far l’artigian. Però l’é anca vero che do in Levada e in tee Campanee ghe n’é ancora tanti che i à camp de tera, e forse l’é anca sto qua un dei motivi che i fa si che aa festa de San Ioani ghe sie ancora cussì tanta gente; oltretut ghe n’é na bea partecipazion anca in ocasion dea messa che i fa ‘l 29 de agosto in tea ceseta par ricordar al martirio del santo.

'Na tradizion incredibile l'era quea dea corsa del faldin: In tee campagna dopo la raccolta del forment a giugno no ghe n'era pì grossi lavori d far cussì i doveni i se dopere a trovar qualche mestier fin a l'ora de vendemar pì vanti, le robe le andea cussita.

I doveni i se trovea alla messa de San Iovani (al 24 giugno) e dopo i ciapea su la bicicleta (senza cambio) e al faldin e sule diese de sera i partia par Cortina (100Km tutti de riva in su) in dodese ore i rivea al centro de Cortina dove che ghe n'era al reclutamento dei falciadori che par un per de mesi i lavorea a sfaldinar sulle rive del bellunese, co l'era le vendeme i tornea a casa.

Co l'e rivà le motofalciatrici le finì anca la tradizione.