La festa comunitaria de San Lorenzo a ghe someia bastanza a quea del prà de Sant’Urban e voendo anca a tante altre che e vien fate fora del paese, però in tel stesso temp la é anca diferente, visto che rento in tel programa ghe n’é zerte iniziative e zerti momenti che i é comunque verti a tuti, ma che i é fati aposta parché ghe partecipe a dent de Pianzan.

Per un contatto con il gruppo organizzatori vai alla pagina dedicata.

         

I festegiamenti par San Lorenz

       

AA-SanLorenzo

 

VOLANTINO

La festa de San Lorenzo martire a Pianzan a vien fata par do finesetimana de seguito, che de soito i é l’ultimo de luio e ‘l primo de agosto, opura i primi do de agosto, pi ‘l dì de San Lorenzo se no ‘l casca già de vener, sabo o domenega; come che ven dita in prinzipio, sta sagra a ghe someia tant a quea del prà de Sant’Urban e infati vien mes su un capanon in parte aa cesa daa parte de l’oratorio, vien mes sote tole e panche in modo che a dent a posse sentarse, ghe n’é ‘l posto par cusinar e par pareciar da magnar e ghe n’é ‘l bar par dar fora da bever. Sta qua però l’é na festa comunitaria, e l’é proprio par via de sta roba che rento in tel programa ghe n’é zerte iniziative che e merita de esser menzonade. In tel primo vener de sagra par esempio ghe n’é a gara de briscola che l’é na iniziativa che a tira bastanza i omeni del paese e che in genere a ghe n’é in tutee s agre che se fa qua in giro; par e copie che e riva in tei primi posti ghe n’é in palio anca bei premi. In te un dei do vener (de soito al primo) se fa anca a zena paa dent che doga a balon; fin a qualche ano fa i fea da magnar par i tosat che vea dogà in tel torneo de luio, che ‘l vien fat ogni ano drio l’asilo in memoria de Giovanni De Gennaro, un tosat de Pianzan mort in te l’istà del 2000. Da un poc de temp inveze i à cambià, infati i à pensà de organizar in tel campo sportivo de pianzan a partida tra Pianzan de sora e sbare e Pianzan de sote e sbare, e alora a zena a vien fata pai dogadori e pai tifosi de sta sfida che ormai a fa parte dee tradizion sportive del paese. In tel secondo dì de sagra, che sarie anca ‘l primo sabo, inveze ghe n’é a zena comunitaria che l’é na straordinaria ocasion de ritrovo par tuti i abitanti del nostro paese; in pratica l’é na zena a menù fisso e su prenotazion, dove che par notarse bisogna comprar i biglieti dae persone che e se ciapa l’impegno de venderli. Ste persone le é sparse un fià par tut al paese, in modo che tuti i posse ciorse i biglieti vizin casa o da qualchedun che i conosse un fià meio, e, par saver da chi ‘ndar, in tee setimane prima vien mes fora anca a lista de quei che i se ocupa de sta roba. Al menù dea zena de soito l’é pastausta col ragù e col pomidoro, carne al speo co patate frite e verdura mista e par finir macedonia col geato e cafè; in tola ghe n’é anca pan, vin e aqua, e po’, par magnar tute ste speciaità a quota da pagar l’é davero pi che onesta. Ogni ano aa zena comunitaria ghe n’é pi o manco tresento persone che le impienisse tut al capanon, e sto fato al fa intender quant forte che a sie a voia dea dent de catarse insieme e de partecipar co tuti chealtri a sta serata cussita speciae. In tel secondo vener de sagra in genere ghe n’é a zena pai anziani, che i riva in tanti e anca tuti pieni de alegria a sto apuntamento organizà aposta par lori che magari no i à a possibiltà e le ocasion de straviarse come tuti chealtri; oltretut pararie che i se a passe anca bastanza puito da tut al ciacolament e dae rideste che se sente, par no parlar dee cantade che i impronta come ai veci tempi e come che i fusse giovanoti in tel fior dei ani: insoma l’é fin sodisfazion star là a scoltarli. Al dì de San Lorenzo ae sete de sera i fa a messa che a finisse co a tradizional benedizion dei motori. Dopo a messa riva sote ‘l capanon par zenar u fraiel de dent che parfin quei che i cusina e che i parecia da magnar i é intrigadi a starghe drio; oltretut, anca se par l’ocasion vien mes tante tole fin fora del capanon, de soito no e basta gnanca instes e aa fine e vien messe a disposizion dea gente che vol magnar anca quee che e ghe serve a chi che comunque l’é drio darse da far paa sagra. Quande che tuti i é stati incontentadi i scuminzia a ciamar i numeri dea tombola; anca sto dogo ormai ‘l fa parte dea tradizion dea festa e ghe n’é sempre tanta dent che partecipa. Par chi che vesse caro saverlo e cartee e pol esser comprade diretamente aa cassa dea sagra in tea sera de l’estrazion ma anca in tee sere prima; paa dent del paese però ghe n’é anca dee persone che e se ciapa a briga de ‘ndar a venderle pae case e che cussita le invita tuti quanti a partecipar al dogo; e po’ val proprio a pena de comprar e cartee parché ghe n’é bei schei in palio paa prima quaderna, paa prima zinquina, paa tombola e pal tomboin. Dopo l’estrazion a sera a finisse in beleza visto che verso medanot tuti i ani i mola anca i foghi che i é veramente bei. A parte tute e sere particolari, bisogna dir che ogni ano a festa a vien proprio puito in tel so insieme, e questo l’é sopratuto parché chi che ghe va al pol magnar sempre ben e podendo sieler tra tante speciaità; se ‘l servizio l’é cussita bon comunque ‘l merito l’é tut de l’organizazion e de tute quee persone che le mete a disposizion al so temp e a so esperienza par far da magnar. Al menù al ciapa rento costesine, figadei e brisiole fati sue bronze, formaio cot o crudo e bisteca de puledro; tut quant al vien portà in tola coa puenta, e par chi che ghe n’ vol come contorni ghe n’é patate frite e fasoi co o senza zegola. In zerte sere ghe n’é anca piati speciai come ‘l pes frit e pal dì de San Lorenzo inveze tra tute chealtre robe se pol magnar anca a mussa coe patate. Ogni ano, par tut al temp dea sagra, in te l’oratorio che l’é in parte aa cesa ghe n’é a pesca de beneficenza, na ocasion paa dent de meter i schei su qualcossa de bon portandose a casa comunque qualche robeta o magari anca qualche qualche premio pi grosset. I premi pi bei i é mobii come armeron e comodin, ma ghe n’é anca biciclete, specere e tante altre robe; al bel comunque l’é veder i tosatei che i strassina i soi par ‘ndar aa pesca coa speranza de ciapar un dei tanti dogatoi che ghe n’é in palio.

        

Un fiantin de storia pasada

       

 A festa de San Lorenzo comunque no l’é stata sempre cussita, infati na volta, ai tempi de Don Benvenuto e fin ai ani otanta del secol pena passà, ghe n’era na sagra vera e propria co giostre e bancaree sul piazal dea cesa e sempre coi foghi aa fine de tut; dai ultimi ani che l’é stat qua da noi Don Benvenuto e fin a quande che l’é rivà Don Sisto però a parte a messa co a benedizion dei motori no l’é stat fat pi gnent. L’é solche co Don Sisto, cioè verso a metà dei ani novanta che se à tornaà scuminziar a organizar a sagra; in prinzipio se fea solche a zena comunitaria co a tombola e a festa a durea solche par quea sera là; oltretut al capanon al vegnea mes su da chealtra parte dea cesa confronto a dove che ‘l vien piantà ades. Col passar dei ani però a festa l’é stata sgrandida, l’é stat vert al chiosco col bar e coa cusina, al capanon l’é stat cambià e l’é stat mes pi grando, i é passadi a organizar par un fineestimana intiero e qualche ano dopo adiritura par do, se à scuminzià a far a pesca de beneficenza e anca a molar i foghi in tel dì de San Lorenzo; praticamente pian pianin a sagra del nostro patrono l’é deventada quea che l’é ades, e ‘l merito de sta roba ‘l ghe va solche a quee persone che ormai da na quindesina de ani e lavora e e se da da far par organizar e par imbastir su sta bea festa. Ste qua l’é e stesse persone che e se ocupa e che e ghe va drio anca a altre atività dea parochia, e comunque, che ghe da na man dal prinzipio aa fine dea sagra l’é anca al Gruppo Alpini de Pianzan e tanti altri. Par finir al discorso, se pol dir che a festa de San Lorenzo a vien fata do volte pae persone e paa comunità del paese: primo parché tute e iniziative che ghe n’é rento le é fate aposta paa dent, parché a posse incontrarse, star in compagnia e passar dee bee sere, e no parché basta che e vegne là solche a spender i schei; secondo parché tut quel che vien tirà su al ghe va comunque aa parochia (in tei ultimi ani l’é servio par contribuir a parar vanti i lavori in asilo) e quindi ‘l va doperà par robe che aa fin fine e vien messe a disposizion de tuti. L’é par sto motivo che bisogna dirghe grazie de cuor a tuti quei che co gran impegno un ano dopo chealtro i fa e i briga parché sta festa a posse esser fata.